La Salute con l'Occlusione Muscolare

2.MALOCCLUSIONE ? CONTROLLA CON I TEST MUSCOLARI APPIM

Quattro sono i test muscolari per il controllo del bilanciamento mandibolare fondati sulla simmetria dei contatti dentari illustrati nel volume “La teoria di Occlusione Muscolare” di A. Valsecchi

4 TEST MUSCOLARI PER LA RICERCA DELLA SIMMETRIA

IL METODO APPIM

QUATTRO SONO I TESTS MUSCOLARI PER IL CONTROLLO DEL BILANCIAMENTO MANDIBOLARE FONDATI SULLA SIMMETRIA DEI CONTATTI DENTARI
illustrati nel volume “La teoria di Occlusione Muscolare” di A. Valsecchi

viso2.jpg (16692 bytes)
1 COCA-COLA
viso1.jpg (16437 bytes)
2 LO SBADIGLIO
viso.jpg (17056 bytes)
3 IL BACIO
viso3.jpg (16178 bytes)
4 ALTALENA DEI MASSETERI

1. COCACOLA [MASSIMA RETRUSIONE AUTONOMA – RELAZIONE CENTRICA ]. (Dalla posizione del BACIO con denti a contatto, come da una cannuccia, aspirare l’aria immediatamente, in modo da retrudere al massimo solo la mandibola) 

CocaCola

CocaCola

2. LO SBADIGLIO (CHIUDENDO IN BACIO) [OCCLUSIONE CENTRICA E  PROTRUSIVA – INTERCUSPIDAZIONE ]

Lo Sbadiglio Appim

Lo Sbadiglio Appim

lo Sbadiglio test appim foto Appim

lo Sbadiglio test appim foto Appim

3. IL BACIO ( MASSIMA INTERCUSPIDAZIONE  ICP – OCCLUSIONE CENTRICA – MYOCENTRICA – DEGLUTIZIONE A DENTI STRETTI ). LABBRA A “O” CHIUDENDO SUI PREMOLARI. Verifica gli appoggi di ICP, senza perdere bilanciamento.

Il Bacio Appim

Il Bacio Appim

Il Bacio, pag. 122 Teoria di Occlusione Muscolare appim

Il Bacio, pag. 122 Teoria di Occlusione Muscolare appim

4. L’ALTALENA DEI MASSETERI (LA RICERCA DELLE DIFFERENZE TRA LATO DESTRO E SINISTRO – ALTALENA CON OCCHIOLINO)

Altalena dei Masseteri - (in foto Cara Delevingne)

Altalena dei Masseteri – (in foto Cara Delevingne)

I. LA SBARRA

La Sbarra Appim

La Sbarra Appim

La Sbarra appim

La Sbarra appim

II. IL RILASSAMENTO PROFONDO.

Rilassamento Profondo -(foto di עדי נס Adi Nes )

Rilassamento Profondo -(foto di עדי נס Adi Nes )

I TEST MUSCOLARI DI CONTROLLO NEL DETTAGLIO:

LA REGOLA n. 1 – La COCA-COLA

Il Test Muscolare n. 1 per la ricerca dell’ ASSE MUSCOLARE è il test della “Massima Retrusione” .

Determina:

  • L’ASSE DI CENTRICA
  • LA RELAZIONE CENTRICA IN ASSE
  • IL BILANCIAMENTO DESTRA/SINISTRA
  • LA DIMENSIONE VERTICALE POSTERIORE
  • L’INCLINAZIONE DEL PIANO OCCLUSALE
  • LA RIPIDITÀ’ DEGLI APPOGGI DI RETRUSIONE
  • I PRECONTATTI DI RETRUSIONE
  • L’ORIENTAMENTO MANDIBOLARE

La mandibola normale, arretrando in tensione si abbassa, pur mantenendo contatto di RETRUSIONE su tutti i denti dal 4° al 7°. La mandibola MALOCCLUSA arretrando in tensione trova contatto retruso su un solo lato, probabilmente un Premolare (Quarto).

La muscolatura di guance, mento e collo tesa al massimo della potenza nel movimento di aspirazione a denti ravvicinati automaticamente posiziona la mandibola con i suoi denti e i condili in massima retrusione rispetto alla mascella (Relazione Centrica) sull’asse muscolare corretto, senza bisogno di alcun intervento manuale dell’operatore che fuorvierebbe l’articolazione dalla giusta traiettoria. Quanto più problematica è la malocclusione, tanto più intenso deve essere lo sforzo muscolare di aspirazione, come se la persona stesse aspirando con tutta la sua forza una Coca-Cola con la cannuccia. Tutto ciò senza bisogno di alcun intervento manuale che fuorvierebbe dalla giusta traiettoria.

La Massima Retrusione, così realizzata, darà la posizione retrusa limite che la mandibola può assumere nei confronti della mascella, posizione stabilita e decisa dall’intreccio dei fasci muscolari interdipendenti dai quali essa dipende. Sarà il primo ed UNICO contatto inferiore di retrusione (Precontatto Retruso) sul quale mandibola e mascella si incontreranno che servirà da riferimento per rilevare le mancanze di sostegno degli altri denti, da considerare tuttavia in prospettiva retrusa. Massima Retrusione significa quindi: individuare l’Asse Muscolare lungo il quale Occlusione Centrica (Fosse) e relazione centrica (Stop di Retrusione) devono essere posizionate, rispettando i loro distinti appoggi e ruoli.  Da questo asse sostenuto da spessoramenti bilancianti deriveranno il corretto orientamento dei condili e l’eventuale loro spostamento in torsione e in Lateralità. Bisognerà reimpostare le fosse inferiori con rialzi in composito, intarsi in resina o capsule sempre in resina in modo da mantenere l’articolazione con i suoi condili nell’inclinazione muscolare suggerita dal test. La regola dice che aspirando con forza e portandosi quindi in massima retrusione i denti mandibolari debbono contattare con gli antagonisti lungo gli Stop di Retrusione sui due lati contemporaneamente: da premolare a ultimo molare, percependo in un unico movimento di aspirazione tanti Stop quanti sono presenti su bite o denti. (© APPIM –  A. Valsecchi)

LA REGOLA n. 2 – LO SBADIGLIO

Si ottiene portando guance e labbra in tensione come in Bacio, tenendo sotto controllo contemporaneamente le sensazioni percepibili nelle orecchie, evitando di aspirare l’aria ed evitando di portare in avanti il mento. Osserva le due foto sopra riportate, bisogna tenere nello Sbadiglio sotto controllo il rientro dei legamenti…se “si perdono”  nella traiettoria di chiusura, vuol dire che sei andato inutilmente in Protrusione.

Il rientro in Simmetria con lo Sbadiglio. Non è in MASSIMA RETRUSIONE o Relazione Centrica che la mandibola si deve arrestare. Essa deve scivolare in avanti e in su, in OCCLUSIONE CENTRICA. Essa è una delle posizioni occlusali e corrisponda alla “Massima InterCusPidazione”, ovvero alla posizione più stabile. Nel fare il test dello Sbadiglio non è tanto il fatto che i condili rientrino centrati nella fosse che deve interessare, quanto il rientro in simmetria dei LEGAMENTI che trattengono i CONDILI al cranio. I condili hanno conformato le cavità glenoidee negli anni della malocclusione e quindi è “normale” pensare che a fine riabilitazione condili e cavità NON coincidano più tra loro. Grazie agli spessoramenti bilancianti tuttavia i condili ritroveranno spazio sufficiente per la loro MOVIMENTAZIONE.  Adriana Valsecchi – La Teoria di Occlusione Muscolare © 1993 Volume I, pag.51

LA REGOLA n. 3 – IL BACIO

Stringendo le labbra a “O” , senza spostare il mento in avanti e senza aspirare, la mandibola chiude nella posizione di fossa, anche se in caso di mandibola deviata il Bacio non possiede sufficiente forza muscolare per riportare l’articolazione in asse corretto come invece succede per la prova dell’aspirazione a denti ravvicinati (la Coca Cola). Il test del Bacio serve ad evidenziare il premolare più alto. Se il paziente sente invece contatto sul molare significa che i premolari sono troppo bassi o che il molare è troppo alto; solo i premolari debbono essere posti in evidenza da questa prova.

Con Bacio abbiamo informazioni riguardo lo sbilanciamento Latero-laterale a livello dei premolari.  Ammettiamo che invece si tocchi solo il secondo incisivo e per il resto vuoto. Il Precontatto sull’incisivo laterale. Esso impedisce di chiudere in prima battuta sui premolari, come dovrebbe essere in uno sbilanciamento esente da precontatti in tal senso. Valutare il tipo di morso (normale, profondo..). Quindi valutare: il precontatto frontale a che livello è ? incisivo centrale, laterale o canino? E la cartina blu cosa dice?

Quindi eseguire il test del Bacio partendo sempre da intercuspidazione, quella che la situazione dentaria ci permette. Andando in Bacio da questa posizione si possono fare molte considerazioni sullo spostamento che la mandibola compie per passare in bilanciamento muscolare. Chi afferma di contattare in “Testa a testa” con gli incisivi, nella prova del Bacio in realtà non esegue il test correttamente probabilmente parte da bocca aperta. In questa situazione si chiude in protrusione, quindi in “testa a testa”.

LA REGOLA n. 4 – L’ALTALENA DEI MASSETERI (OCCHIOLINO)

E’ questa un TEST DI CONTROLLO delle differenze tra Emiarcata di destra e Emiarcata di sinistra.

L’Altalena dei Masseteri è la prova che permette di rilevare le differenze di livello tra lato destro e lato sinistro, al fine di eliminare gli scivolamenti e le sensazioni di ipermobilità.  Stringendo i denti alternativamente sui due lati, il paziente bilanciato sia che sforzi il massetere di destra o quello di sinistra non troverà sensazioni di vuoto da un lato e di pieno sempre dall’altro. Se la mandibola è ben bilanciata un medesimo spazio vuoto, minimo, infinitesimale, apparirà sia a destra che a sinistra. Se la mandibola fosse invece sbilanciata il paziente si accorgerà che da un lato (Lato alto) non riuscirà a staccare i denti dagli antagonisti. Sull’altro lato invece avrà la sensazione netta di percepire spazio vuoto una volta su due e tutto ciò anche se aveva inizialmente riferito l’impressione di avere una mandibola altalenante sui due alti.

La possibilità stessa di fare l’altalena denota sbilanciamento.
Diversamente in situazione di bilanciamento si può fare l’altalena solo saltellando intenzionalmente con la mandibola, ma mai mantenendo un lato della dentatura fisso in Intercuspidazione. Questo esercizio va eseguito per ultimo dopo la ricerca dell’Asse di Centrica e dopo il rialzo eventuale dei settori posteriori suggeriti dalla prova della Sbarra. Qualora infatti questa prova venisse eseguita per prima, i masseteri sotto sforzo e in contrazione potrebbero benissimo, accorciandosi, compensare la mancanza posteriore e dare un apparente risultato di contatto se eguale mancanza di spessore esistesse tra lato destro e lato sinistro. Avremmo quindi contatto occlusale bilaterale reale ma patologico. Compito dell’Altalena è solo di evidenziare sul finire del bilanciamento una residua differenza di altezza tra lato destro e lato sinistro. (© APPIM –  A. Valsecchi)

PROVE DI CONTROLLO

I. LA SBARRA

Appendersi alla Sbarra significa Auto-valutarsi. Fintanto che il soggetto appeso alla sbarra percepisce un solo contatto dentario, significa che è sbilanciato. Quando ne percepisce due, è sbilanciato. Cosa deve sentire il paziente per essere sicuro di avere raggiunto l’obiettivo primo della sua fatica di completo Bilanciamento? Sentire 4 denti posteriori a destra e 4 denti posteriori a sinistra contemporaneamente.  Alla Sbarra non serrare le labbra, battere i denti e “ascolto” dei contatti. Si noterà che il rumore immediatamente percepibile e netto, apparirà solo davanti o solo di lato, su un lato soltanto. Avvicinando i denti fermarsi sul primo dente che si incontra e battere forte più volte. Non cercare contatto bilaterale forzando e lasciare le labbra semichiuse.

Solo quando sarà riuscito a spessorare e bilanciare i denti in modo da sentirne quattro per parte contemporaneamente, solo allora potrà dire di essere finalmente arrivato alla fine della corsa…e sicuramente a quel punto avrà schiena diritta, collo diritto, gambe e spalle in simmetria…solo allora avrà raggiunto il massimo della sua efficienza muscolare. Tutto qui. Bisogna lavorare sul bite (o sui denti) a lungo per arrivare a portarli a chiudere in tal modo. La sbarra è quindi un metodo di verifica delle altezze posteriori. (© APPIM –  A. Valsecchi)

Sbarra - soggetto con morso profondo. Prima e dopo con il bite ad inizio bilanciamento.

Sbarra – soggetto con morso profondo. Prima e dopo con il bite ad inizio bilanciamento. Notare la postura e stabilità del corpo e il collo tornato “a vista”.

II. IL RILASSAMENTO PROFONDO

Effettuare la Prova finale del Rilassamento Profondo. A testa riversa sullo schienale di una poltrona, dopo aver dormito per pochi minuti con denti forzatamente staccati, chiudete la prima volta con grande cautela fino al primissimo contatto, dopo esservi però raddrizzati di collo e testa pur restando seduti a schiena diritta. Non funziona se si chiude una seconda o terza volta. Solo la prima…provare. Se nel chiudere le cuspidi superiori entrano perpendicolarmente in fossa senza scivolamenti significa che quella è la posizione giusta del mento. La posizione del Mento-Fosse dipende quindi dal Rilassamento profondo.  In mancanza del rilassamento profondo esiste la Coca Cola che imposta gli stop. Questi stop devono essere coerenti con le Fosse e le fosse infine vanno poi ricontrollate con il Rilassamento Profondo. ( © APPIM –  A. Valsecchi)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: