La Salute con l'Occlusione Muscolare

Articoli con tag ‘arcate’

CHE COSA SIGNIFICA ELIMINARE UN PRECONTATTO ? parte Seconda

P_20160514_143912_1_p.jpg

Il precontatto è normalmente un’asperità più o meno visibile, che ostacola lo sfioramento tra dente e dente.

  • un precontatto di Fossa,
  • di retrusione,
  • di guida incisiva
  • di guida canina.

Un piccolo ostacolo in resina, o su corona, un residuo proveniente da un molaggio oppure un eccesso di composito che indurendosi si è posizionato spostandosi o allargandosi nel posto sbagliato.  Veniamo alla seconda parte, ampliando ed entrando nei dettagli tecnici che solo l’esperienza appim può dare. La questione Lato Alto e Lato Basso dovrebbe essere chiara; se essa non lo fosse, meglio andare nella finestra di ricerca per termini nel menu principale. Ecco quindi che Il Precontatto può esistere sia sull’emiarcata bassa sia su quella alta.
E’ logico dare la precedenza all’eliminazione del precontatto che provoca dolore, perchè il dolore comanda, ma subito dopo è inutile perdere tempo nell’eliminare problemi di Fossa o di Stop sull’emiarcata bassa; meglio tentare di rialzare i denti che alle prove di controllo risultano essere insufficienti in altezza.

Successivamente,  rivalutando tutta la situazione globale, si procederà alla eliminazione leggera del precontatto che risulta dalle manovre di controllo (Sbadiglio, Bacio, Cocacola, Altalena e poi test finale ed iniziale Sbarra). Ora, uno solo è il precontatto da prendere in considerazione, uno solo per volta, in quanto alla sensazione di scivolamento che viene percepita sull’emiarcata opposta a quella del precontatto, si consideri che esso può essere creato dalla:

  • Mancanza di sufficiente sostegno in ICP (massima intercuspidazione o Bacio)
  • per Fossa troppo profonda,
  • oppure da insufficienti stop di retrusione,
  • oppure da Fossa spostata troppo all’indietro rispetto al punto corretto
  • e comunque da Asse di Pressione non corretto e/o da asse anatomico spostato.

Ora, ragionando in maniera più approfondita circa la pratica, non è detto che il precontatto di retrusione sia sempre posizionato sul davanti della fossa.
A volte aspirando l’aria a denti stretti, e di conseguenza facendo retrocedere in asse la mandibola (prova della CocaCola), ci si rende conto di avere un blocco fastidioso o un versante troppo ripido che ostacola il contatto di retrusione omogeneo e contemporaneo degli altri denti laterali. Con la cartina blu non vedremo una sola traccia, niente. Probabilmente vedremo varie macchie blu.
Che fare? concentriamoci su quelle attorno alla fossa: sul davanti e di lato;
ma prima di attaccare con il trapano la macchia blu sul davanti che spesso è anche quella più scura in assoluto, andiamo a ripulire tutt’attorno alla Fossa.

13233245_10209640057223700_670755179_n.jpg
Rifacendo la prova della Coca Cola qualcosa sarà forse cambiato a livello di sensazione. In quanto la cuspide superiore possiede una forma anatomica tondeggiante che noi non possiamo vedere chiaramente, però la immaginiamo, ne percepiamo la sensazione oggettiva di appoggio. Che cosa può essere successo?

E’ possibile quindi che la pancia della cuspide superiore, la rotondità esterna alla punta vera e propria, entri in precontatto con versanti di Fossa, che non c’entrano molto con lo stop di retrusione vero e proprio.
Quindi, dopo aver usato il trapano, teniamoci però pronti a rilevare ulteriori precontatti di retrusione sui denti adiacenti o sul lato opposto. Infatti il bilanciamento spaziale dell’articolazione prevede l’eliminazione di precontatti di vario tipo per riportare la mandibola nella sua inclinazione muscolare corretta che può benissimo NON essere vista dalle RX anatomicamente in simmetria con l’osso mascellare.
E’ per questo che qualsiasi esame radiografico precedente e successivo alla riabilitazione non ha alcun valore; di più qualsiasi riabilitazione impostata su una simmetria scheletrica di paziente nato maloccluso non può che essere discutibile e da rifiutare a priori.

A questo punto non fidiamoci solo delle sensazioni, siamo più raffinati. Non andiamo ad ulteriormente molare quello stop iniziale, ma verifichiamo con attenzione su quale dente e su quale zona della superficie del dente viene trattenuta la nostra robusta cartina blu (in zona distale o mesiale? ) è solo una per volta l’asperità che trattiene la cartina e che va eliminata con il trapano.

Per cui, il precontatto di retrusione (e di fossa) è tale se la cartina viene trattenuta in un punto e slitta liberamente sotto tutte le altre cuspidi superiori nel fare Coca Cola (o Bacio).
Il precontatto impedisce agli altri denti di occludere in sintonia tra di loro.
Un precontatto di fossa o di retrusione fa perdere gengiva a meno che altri versanti secondari compensino il difetto (l’assenza dello stop normale).
Nella masticazione il precontatto crea danni in quanto rappresenta un trauma continuo per la gengiva che si arrossa o che migra, e che indolenzisce anche il fascio muscolare della guancia.

Ma ci sono solo precontatti di Fossa? No, assolutamente, esistono  altri precontatti che non sono proprio lungo il percorso di sfioramento, sono precontatti molto esterni ai punti di occlusione provenienti dall’Effetto Tenaglia, che però possono disturbare, infastidire, bloccare, impedire l’occlusione di denti che lavorano, creare sintomi e sono a volte indicati chiaramente dalle cartine blu, a volte invece vanno ricercati in base alle sensazioni di ostacolo anche in punti lontani dal dente preso in esame, purtroppo per il bilanciante.

Quindi, movimentando la mandibola adagio a denti stretti qualsiasi contatto ruvido, qualsiasi scalino o rilievo vanno verificati in base alle sensazioni e rilevati con la cartina blu. Una decisione deve essere presa: se la traiettoria è armoniosa e solo lì in quel punto nasce l’ostacolo, allora tentiamo con il trapano di eliminare giusto il punto blu ma solo “in superficie”, limiamo pochissimo, perché quel punto di sostegno comunque ci può servire

La seconda specie di precontatti: SPAZIALE

Il precontatto spaziale è un’altra cosa.
Facendo le manovre di controllo ci accorgiamo che la zona di destra ad esempio è troppo alta, eppure ci sentiamo bene serrando a destra ma spazialmente quella parte della nostra bocca non è come quella di sinistra, prendiamo una decisione: alziamo la sinistra o abbassiamo la destra.
Le manovre, tra le altre cose, servono anche a questo, ad indicare quale è al momento l’inclinazione spaziale dell’articolazione suggerendo su quali denti agire per recuperare simmetrie bilaterali.

La prova della CocaCola ci indicherà lo Stop di retrusione più alto in assoluto da limare.
la Sbarra la fossa più alta da abbassare.
il Bacio il premolare più alto in fossa.
ogni manovra indicherà un dente solo alto, uno stop solo, una Fossa soltanto.
Sarà da questa fossa o da questo stop che inizierà il lavoro con il trapano. Dopo ogni limata, le prove incrociate riprenderanno: una prova e un molaggio.
Le zone basse non possono essere evidenziate se non con l’Altalena dei Masseteri e con la prova degli scivolamenti da Bacio in CocaCola, quindi da ICP a massima retrusione o Relazione Centrica .

Che cosa significa eliminare un precontatto ? Parte Prima

A. Valsecchi 2002, 2004, 2005, 2007, 2016 a cura di C. Morcone appimlab 

Annunci

SUPERFICI DEI DENTI

foto_2365_med

Le Superfici dei denti

I denti sono composti da più superfici:
mesiale: è la superficie diretta verso la linea mediana, linea ideale che passa tra gli incisivi centrali
distale: è la superficie opposta, che si allontana dalla linea mediana
occlusale: è la superficie che va a contatto con i denti dell’arcata antagonista
vestibolare: rivolta verso la guancia e le labbra; quando sorridiamo, mostriamo la superficie vestibolare dei denti anteriori

554 556
palatina: è la superficie opposta alla vestibolare e rivolta verso il palato, nell’arcata superiore , quelle che usiamo normalmente col bite per intenderci come cuspidi di stampo per formare le Fosse e gli Stop di Retrusione.
linguale: è la superficie opposta alla vestibolare e rivolta verso la lingua, nell’arcata inferiore

palatinalingualedesc0101a

TANTI MODI DI FARE DIAGNOSI INUTILI

management

Tanti i passi insensati e inutili, per la malocclusione

  • – le radiografie frontali e laterali 
  • – Teleradiografia del cranio
  • – l’ elettromiografia (EMG)
  • – la valutazione radiografica dei condili
  • – gli interventi chirurgici in fossa glenoidea
  • – l’ allargamento del palato per ridurre il morso crociato laterale
  • – lo spostamento del mento in avanti per eliminare lo schiocco
  • – il bite superiore
  • – il molaggio delle cuspidi superiori e degli stop di retrusione inferiori
  • – la pedana stabilometrica
  • – rifare ambedue le arcate dentarie
  • – concentrarsi sulle ossa dei mascellari e non sui denti
  • – impostare una mandibola parallela al pavimento e non invece in rapporto alle pupille
  • – pensare che i muscoli siano “nati” asimmetrici
  • – insegnare ai muscoli a ritornare simmetrici
  • – voler raggiungere la simmetria ossea e dopo di che utilizzare i test muscolari “per risolvere lo sbilanciamento residuo”…
  • – pensare alla postura come causa di malocclusione
  • – considerare l’atlante la causa dei problemi di collo, schiena, anche e gambe
  • – paragonare la tensione alla contrazione muscolare
  • – confondere il fuori asse con lo sbilanciamento latero-laterale
  • – suggerire la tecnica del pompage articolare a chi è storto di bocca
  • – non vedere la bocca storta, ma vederla diritta sul collo storto.
  • – confondere il lato “alto” con il lato “basso”
  • – ritenere che la prova della sbarra sia un passo terapeutico e non invece una semplice manovra di controllo
  • – non usare tutti i test muscolari incrociati
  • – spessorare il bite da sotto senza concentrarsi su fosse e stop
  • – confondere la retrusione con la protrusione
  • usare mascherine invisibili e ortodonzia classica per la malocclusione
  • – non accorgersi del morso aperto creato da spessoramenti continui sui laterali
  • – parlare di denti come “simboli” o “archetipi”

Per non parlare di ogni giorno in cui sentiamo persone in cura da osteopati, da agopuntori (unico effetto la sedazione del dolore, non risolutivo assolutamente della malocclusione ), operatori (purtroppo medici) di omeopatia, ayurveda, antroposofica (letteralmente occultismo), neuralterapia (non risolutiva essendo anestetico), metodiche bioenergetiche (che certamente non ricreano l’occlusione) da neurologi, da psicologi che non conoscono la malocclusione e i suoi aspetti, da persone dipendenti da farmaci e trattamenti,  quando un bilanciamento di bocca potrebbe risolvere per sempre i loro problemi, anche a dirglielo non crederebbero…anche se gli dicessimo tutte le storie personali che non hanno risolto la questione, fino a risolversela da soli, con i Test Muscolari , resine, trapano incisore  sottile, cartine e tanto lavoro su di sé..e allora: Che fare? 

Pre-op-Emily-Kaufman-resized-600.jpgt-scan-8-emg-software

©2006, 2015 A. Valsecchi (a cura di C. Morcone )

DIMMI QUANDO QUANDO QUANDO

10275930_628862067193537_4250403579728663995_n

” Dimmi quando tu verrai
dimmi quando, quando, quando
e baciandomi dirai:
Non ci lasceremo mai! “

Emilio Pericoli

Dimmi quando tu verrai, occlusione bilanciata? Chi può dire di quante ore, di quanti giorni o di quanti mesi di lettura, studio, incontri e  di grande impegno personale è fatto il lavoro di bilanciamento?
Che cosa è una giornata o un mese di fronte alla sensazione di aver capito come stabilizzare la bocca?
Accanto a questa fatica, deve esserci una volontà, una capacità di distinguere con buon senso i passi che giorno dopo giorno devono andare nella direzione giusta. Non si può iniziare una riabilitazione se non si hanno in mente le simmetrie da raggiungere, non bisogna affidarsi solo alle sensazioni. Bisogna essere attenti alla postura, al collo che cede da un lato, alle spalle che dondolano, al ginocchio che scricchiola…questi sono i campanelli di allarme.

Non bisogna fissarsi sulla bontà di una sola prova, perché una prova da sola non basta; va incrociata continuamente, va ragionata a mezzo di schemi, questo perché la bocca ha 3-4 movimentazioni e quindi deve potersi districare dalle Fosse, ma l’appoggio di fossa non può essere piatto per evitarne l’uscita brusca, deve essere tondeggiante con vie di uscita, che accompagni anche l’escursione dei denti. La Retrusione deve essere sostenuta, la Guida Incisiva deve essere esente da precontatti, la Guida Canina deve agire solo sul canino e non essere una guida di gruppo…la cuspide palatina deve
calzare nelle fosse del bite, per ogni cuspide deve esservi un contatto solido in fossa e vicino deve esservi lo Stop di Retrusione relativo. 
Le regole certo ci sono, ma il nostro buon senso le deve individuare senza bisogno di leggerle, perché il corpo reagisce velocemente…e le gengive pure; non si può bilanciare un bite una volta ogni sei mesi…o due volte al mese! Non vi è un calendario dettato dalla voglia o programmato. La malocclusione non programma, esiste e persiste, se non viene registrata inizialmente col bite bilanciato anche, in determinati casi in cui i Test lo consigliano, tutti i giorni, per molti mesi. 

Non osservare mai comunque solo un’arcata; è l’insieme delle due arcate che deve dare conferma di rapporti adeguati. Anche se si dovessero avere due denti storti e uno diritto nella zona inferiore, non ci sarebbe da preoccuparsi purché i denti antagonisti superiori fossero tali da mantenere un contatto armonioso di sfioramento.

Il lavoro richiede centinaia di ritocchi fino al riposizionamento dell’articolazione; centinaia di ritocchi significano ore di lavoro sulle resine a freddo – fosse, stop, precontatti – con cartine blu e trapano, sotto una buona luce, perché l’inclinazione di tanti contatti contemporanei non può avvenire in modo veloce e il collo, la schiena, la testa riflettono immediatamente la situazione. Un millimetro di spessore mancante storta il collo, i millimetri sono metri in bocca. Uno stop di retrusione inesistente storta il labbro nel sorriso e crea morsicature all’interno della guancia; un precontatto in zona incisiva scopre il colletto del dente o lo fa sanguinare, una mancanza di contatto in zona canina con ad esempio un morso aperto, danneggia una gengiva o fa roteare il dente.
Bisogna garantire ai denti i loro contatti e i loro sfioramenti fisiologici, non possiamo imporre loro le nostre idee. Siamo NOI che dobbiamo adeguarci alle loro regole: alle regole dell’Occlusione.

2004, 2015 A. Valsecchi (a cura di C. Morcone)

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: