La Salute con l'Occlusione Muscolare

Articoli con tag ‘arretramento’

COME LEGGERE LO SBILANCIAMENTO OSSERVANDO IL VISO (Parte III)

5r2Ud7tkhmE--

COME LEGGERE LO SBILANCIAMENTO OSSERVANDO IL VISO (Parte III)

1. QUALI I DIFETTI PIU’ DIFFUSI VISIBILI SUL CALCO?

Quali i difetti più diffusi visibili sul calco ?

  1. Cuspidi palatine troppo corte o appiattite
  2. – Fosse inferiori troppo profonde per via di otturazioni troppo basse
  3. – Contatti capovolti: cuspidi vestibolari inferiori che non possono reggere lo stress e il carico della masticazione lavorando contro ipotetiche fosse superiori
  4. – Numero insufficiente di cuspidi di sostegno superiori.

2. QUALI I DIFETTI PIU’ DIFFUSI VISIBILI SUL BITE?

Quali i difetti più diffusi sui bite?

1- Fosse troppo profonde
2- Bordini attorno alle fosse che impediscono la chiusura sul fondo
3- Eccesso di versanti tutt’attorno alle fosse
4- Presenza di una seconda fila di fosse inferiori quando si sa che il bite deve presentarne una sola sotto le palatine o al limite sotto le cuspidi vestibolari.
5- Margine anteriore del bite troppo spesso che obbliga la mandibola a retrocedere
6- Canini che in lateralità non discludono per eccesso o per difetto di guida
7- Guida Incisiva ostacolata da precontatti di vario tipo, anche posteriori
8- Margine anteriore insufficiente che impedisce la presa in PROTRUSIONE 
9- Vie di uscita posteriori bloccate che impediscono la DISCLUSIONE CANINA
10- Assenza di Stop di Retrusione
11- Bite troppo corto che non offre contatto con l’ultima cuspide di stampo della dentatura superiore.

NO al bite superiore!

NO al bite superiore!

3. IL BITE SUPERIORE E’ DANNOSO

Eccoci giunti ad uno degli errori comuni: il bite superiore.  Noi abbiamo la certezza che il bite superiore sia un giocattolo da prendere e buttare nel cestino…ci scusino i Dentisti in buona fede che ci leggono e che sono convinti nel proporre al paziente un tale aggeggio. Lo eravamo anche noi all’inizio, che tale presidio avesse una sua logica, ma ragionando siamo giunti ad una convinzione opposta.

Vogliamo semplicemente seppellire ogni speranza di soluzione della malocclusione utilizzando il bite superiore…il che significa però cercare di risolvere una disgnazia usando un bite inferiore, senza usare poi quello inferiore per rilassare i muscoli (!!!) o come diagnostica. Noi lo usiamo per auto-riabilitazione completa e quindi come cura per poi andare sui denti naturali o protesi, dipende dalla situazione personale.
il bite deve essere solo il mezzo per determinare una distanza muscolare equilibrata tra le due arcate antagoniste che venga accettata dal corpo, schiena, collo, spalle e gambe, indipendentemente dallo spessore vero e proprio del bite…è vero che superiore o inferiore non dovrebbe fare la differenza, ma il bite inferiore è facile da bilanciare e non nasconde le preziose cuspidi di stampo superiori… il bite non deve essere ritoccato una volta al mese oltretutto da un medico probabilmente all’oscuro dei test muscolari…ma deve essere modificato giorno dopo giorno, usando test e cartine blu e sensazioni…
è vero che esistono la pedana, le prove kinesiologiche e quant’altro, ma perché non applicare i test muscolari incrociandoli e rilevando lato alto e lato basso e-o i precontatti da eliminare in modo da stabilizzare una mandibola altalenante o fuori asse?

Si possono applicare quattro prove semplici e veloci  APPIM invece di girare attorno al problema per settimane o mesi senza poi saper attuare quelle minime modifiche che chiarirebbero le capacità del Medico e dell’assistito?
Senza entrare ulteriormente nei dettagli, parliamo solo dei principi fondamentali. Siamo fiduciosi che i pazienti da venti anni sappiano molto di più su quello che viene proposto.

Sono i contatti dentari, fino a prova contraria, che determinano i movimenti mandibolari

Sono i contatti dentari, fino a prova contraria, che determinano i movimenti mandibolari

4. UNA MANDIBOLA CHE SLITTA INDIETRO

E’ molto piu’ frequente assistere allo slittamento all’indietro del mento a causa dell’assenza degli stop di retrusione in quanto le fosse sono in pratica delle centriche lunghe, mancando quindi gli stop la mandibola arretra in relazione centrica e contemporaneamente i condili arretrano in piano senza abbassarsi e comprimono i tessuti della cavità glenoidea infiammandoli.

A volte però succede che, invece di slittare all’indietro, il mento scivoli esageratamente in avanti, molto più della normale traiettoria.
Perché mai slitta così tanto in avanti con la contemporanea sensazione di costrizione? Il motivo potrebbe essere che la fossa di ICP è troppo profonda.

  1. Come fare per impedire lo slittamento in protrusione eccessiva? è sufficiente apporre una minuscola quantità di resina sulla fossa stessa per bloccare lo scivolamento eccessivo in avanti. Il movimento, dalla posizione di riposo retruso (stop di retrusione) a fossa (ICP), lo scivolamento in avanti del mento deve essere minimo e confortevole.

5.COME VERIFICARE TRAIETTORIE E AGIBILITA’

5.1 Volendo abbassare i denti (capsule o ponti) di una emiarcata costruita in eccesso

  1. Il primo passo è senz’altro quello di abbassare il punto di fossa e il versante di stop adiacente.
  2. Il secondo passo è quello di controllare con la cartina blu le vie di uscita e di aprirle simulando lo spostamento in guida canina.
  3. Normalmente la Guida canina presuppone un leggero avanzamento del mento e l’immediato spostamento di lato.

Però non è detto che il mento nello spostarsi di lato debba per forza sempre avanzare nella direzione della disclusione canina.. il mento potrebbe anche arretrare nello spostarsi di lato, oppure arretrare prima di iniziare lo spostamento di lato partendo da una fossa di intercuspidazione..

5.2 Quindi per verificare l’agibilità delle vie di uscita laterali

Bisognerebbe valutare lo spostamento di lato del mento facendo fare al paziente tre tipi di controllo.

  1. 1. spostamento tipico di guida canina in leggera protrusione
  2. 2. spostamento di lato iniziando da una intercuspidazione
  3. 3. spostamento di lato iniziando da una retrusione forzata

Lungo queste tre traiettorie la via di uscita inferiore deve essere aperta in direzione della lingua. puo’ succedere pero’ che il precontatto di cui sopra (che impedisce l’uscita) sia stato corretto bene…ma che la via di uscita sia comunque ancora ostacolata… Da che cosa puà essere ostacolata? Dal fatto che non è piu’ la cuspide palatina a sentirsi impedita nello sfioramento in uscita ma la cuspide vestibolare superiore.

In tutti i casi andrebbero limate le superfici inferiori e non quelle superiori, a meno che si voglia per motivi ragionati ridurre la cuspide vestibolare superiore quando non rappresenta una cuspide di sostegno…e solo per questo motivo.

 

il serramento, il bruxismo si elimina subito con il bilanciamento dei contatti dentari.

il serramento, il bruxismo si elimina subito con il bilanciamento dei contatti dentari.

 

6. IL SERRAMENTO

La muscolatura ha bisogno di sentire durante il riposo e nell’attività giornaliera contatti interdentari solidi, equilibrati e contemporanei tra lato destro e lato sinistro, anche se solo di retrusione e sporadici. Se i contatti non avvengono in modo automatico su ambo i lati, la muscolatura li va a cercare, contraendo il massetere più da un lato che dall’altro. Questo, per potere compensare lamancanza di sostegno dentario da un lato, ha bisogno di sentire sul lato opposto o al limite sui denti anteriori, un contatto stabile, altrimenti non riesce a trovare la spinta sufficiente per accorciarsi dall’altra parte. In tale situazione, poiché alla fine entrambi i masseteri si contraggono per mantenere i denti serrati in intercusidazione, lo sbilanciamento provoca quel serramento cronico dovuto a muscoli che non sanno recuperare quell’elasticità di movimento (ICP- POSIZIONE DI RIPOSO-ICP) tipica dei muscoli rilassati e bilanciati. Pensare che i denti e i contatti debbano cambiare nel tempo è discorso di pura fantasia che si fa perchè non si ha il coraggio o la capacità di consegnare al paziente una occlusione equilibrata, solida, muscolarmente stabile e simmetrica.

La muscolatura ricerca stabili contatti di ICP anche se sbilanciano la mandibola, perché ne riceve malgrado tutto una sensazione di solido sostegno; mentre volendo rimanere in bilanciamento a tutti i costi, l’arcata mandibolare dovrebbe rimanere staccata su un lato. Il serramento è dunque automatico e causato da fattori dentari e muscolari reali e non inventati,anche se non tutte le malocclusioni comportano serramento. Certo esiste anche in caso di tensione fisica o nervosa: ma in questo caso non è contemporaneo a malfunzione, a scivolamenti asimmetrici o unilaterali, a dolenzia muscolare e gengivale o a schiocco. I presidi come bite notturni, morbidi o guard, servono solo a limitare i danni ma non risolvono nulla. Le posizioni come dormire supini a mandibola staccata pure…valgono quello che valgono..puri palliativi arcaici. Bisogna bilanciare i contatti dentari. Questa è la chiave. Aprire la porta è facile se si ha la chiave giusta.

2014 © A. Valsecchi (a cura di C. Morcone)

 

Annunci

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: