La Salute con l'Occlusione Muscolare

Articoli con tag ‘crossfit’

IL RUOLO DEI MOLARI

x-z_oDpuaoQ.jpg

Qualche indicazione da leggere e studiare:

  • – Il corpo e la muscolatura traggono energia e resistenza dai rapporti equilibrati del complesso masticatorio, ma sono i denti posteriori che danno stabilità scheletrica e forza muscolare, non i denti anteriori, né i premolari.
  • – Pertanto, se il Primo Premolare è un dente molto importante nelle prove iniziali di controllo di Bilanciamento, sono però il primo e secondo Molare i denti necessari, visto che le prove di forza vertono su di essi, piuttosto che sui premolari.
  • – Sono i molari e non il gruppo anteriore che distanziano la mandibola dal cranio e che determinano il posizionamento dei condili nelle fosse glenoidee e l’Asse di Centrica.

Estratti da: Appunti Rossi di A. Valsecchi (1°ed. 1991). Appim.

www.appimlab.wordpress.com
www.APPIM.it
www.twitter.com/appimlab
Laboratori APPIM Lab AGILE di bilanciamento mandibolare regionali con incontri mensili
appimlab@yahoo.it

PREVENIRE GLI INFORTUNI SPORTIVI E RISTABILIRE SIMMETRIA MUSCOLARE

  • CROSSFIT SBILANCIAMENTO
    L’atleta sopra fotografato è sbilanciato di bocca. Si nota con evidenza la diffferenza tra le due guance e lo sforzo maggiore che sta facendo per sollevare l’asta con il SUO braccio sinistro. L’asta del bilanciaere rimane bassa nonostante lo sforzo maggiore. E quindi la sua guancia sinistra è muscolarmente più corta dovuto all’occlusione dentaria del lato destro, e l’asta quindi rimane bassa. Dipende da un rapporto sbilanciamento muscolare mandibolare
    Osservate il gomito di sinistra dell’atleta: è più basso dell’altro e cede, così come cede la spalla; per cui alzando il bilanciere sicuramente l’asta rimarrà storta, più bassa sempre a sinistra.
    Sappiamo quindi ora bene come fare per risolvere il suo Sbilanciamento. Se non lo sapete ancora, vuol dire che serve studiare bene i testi e il Video, così come partecipare attivamente agli incontri.
    La Sbarra ti dà delle certezze sull’altezza da dare all’ultimo molare che generalmente è sempre carente (rispetto al primo premolare che imposta la linea del sorriso e quindi fa da riferimento )
    E’ piu’ facile che i molari siano troppo bassi rispetto al primo premolare., per esempio alla SBARRA, perché se fossero troppo alti i premolari non contatterebbero proprio. E’ per questo che insistiamo sul primo premolare che contatti e che faccia da riferimento (niente morso aperto, niente morso profondo). 
    L’altezza anteriore data dal premolare la decidiamo noi sui denti, purché non si perda la guida incisiva, non si vada quindi in MORSO APERTO , poi nel bilanciamento finale bisognerà operare dei piccoli molaggi sui rialzi in composito fatti sui denti naturali o sulle capsule in zona posteriore…e quindi il morso anteriore si chiuderà senza problemi.
    A. Valsecchi a cura di C. Morcone, 2015 

Tag Cloud

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: