La Salute con l'Occlusione Muscolare

Articoli con tag ‘destra’

COME BILANCIARE I DUE LATI

192aa7bb25e0374598b3252d39b4a2f1d61c29f2

L’ALTALENA E COME BILANCIARE I DUE LATI

Cos’è L’ALTALENA DEI MASSETERI? E’ questa una prova per il controllo delle differenze tra emiarcata di destra e emiarcata di sinistra.
L’Altalena dei Masseteri è la prova che permette di rilevare le differenze di livello tra lato destro e lato sinistro, al fine di eliminare gli scivolamenti e le sensazioni di ipermobilità.

Stringendo i denti alternativamente sui due lati, il bilanciato, sia che sforzi il massetere di destra o quello di sinistra non troverà sensazioni di vuoto da un lato e di pieno dall’altro.

Se la mandibola è ben bilanciata un medesimo spazio vuoto, minimo, infinitesimale, apparirà sia a destra che a sinistra. Se la mandibola fosse invece sbilanciata il paziente si accorgerà che da un lato (lato alto) non riuscirà a staccare i denti dagli antagonisti. Sull’altro lato invece avrà la sensazione netta di percepire spazio vuoto una volta su due e tutto cio’ anche se aveva inizialmente riferito l’impressione di avere una mandibola altalenante sui due alti.

La possibilità stessa di fare l’altalena denota sbilanciamento.
Diversamente in situazione di bilanciamento si può fare l’altalena solo passando d’un tratto, intenzionalmente, con la mandibola, ma mai mantenendo un lato della dentatura fisso in intercuspidazione (ICP).

Questo TEST MUSCOLARE APPIM va eseguito per ultimo dopo la ricerca dell’Asse di Centrica e dopo il rialzo eventuale dei settori posteriori suggeriti dalla prova della Sbarra.

Qualora infatti questa prova venisse eseguita per prima, i masseteri sotto sforzo e in contrazione potrebbero benissimo, accorciandosi, compensare la mancanza posteriore e dare un apparente risultato di contatto se eguale mancanza di spessore esistesse tra lato destro e lato sinistro. Avremmo quindi contatto occlusale bilaterale reale ma patologico.

Compito dell’altalena è solo di evidenziare sul finire del bilanciamento una residua differenza di altezza tra lato destro e lato sinistro.

Jennifer Lopez

Jennifer Lopez

COME BILANCIARE I DENTI AGENDO NEI DUE LATI

Può capitare di avere un bite molto basso ma non per questo sia facile per il maloccluso eseguire il TEST MUSCOLARE DELL’ALTALENA DEI MASSETERI (TEST N°4). Ci potrebbe essere molto sforzo ma senza un adeguato ritorno in asse per poi eseguire la contrazione muscolare dall’altro lato.

Può capitare di avere un bite cosi’ alto che non capirci  più niente. La malocclusione è anche questo. Avere bite che non risolvono affatto la situazione. La mandibola va da un lato all’altro, tanto che bisogna controllare con i muscoli che non scappi via, come se gli stessi siano allentati e vadano per conto proprio, trovando raramente un punto fermo o non trovandolo affatto e la mandibola sembra senza freno. Cosa fare in questo caso?

Agiamo sui due lati, destro e sinistro, tramite il TEST MUSCOLARE dell’Altalena dei Masseteri. E’ però un test avanzato che può inizialmente dare confusione ma molto facile da fare. E’ in pratica un occhiolino da fare con forte pressione da un lato e poi subito dall’altro lato. Il gap evidenziato di spessore darà l’idea della situazione da collimare.

Spessorando il lato basso automaticamente il lato alto sembrerà meno alto.  Abbassando invece il lato alto, il lato basso ti sembrerà subito più alto.

Ian Somerhalder

Ian Somerhalder

La muscolatura accetta sempre un adeguamento di qualsiasi tipo purché sia bilanciante. Il problema nasce invece sui denti nel senso che spessorando o limando da un lato avviene un Effetto tenaglia sul lato opposto e quindi sopravvengono alcuni fastidi su questo lato opposto, creati dai contatti alteratisi a causa della modifica fatta. Non ci facciamo illusioni, i denti non si muovono, i denti sono rigidi e rigido è il bite. 

Non si può spessorare un lato pensando che l’altro lato opposto resti quello che era. Cosa succede? I punti di contatto di sinistra assumeranno un’altra inclinazione immediatamente dopo in qualsiasi caso. Incrociando Bacio e Coca-Cola troverai sensazioni fastidiose sul lato che non hai neppure toccato. 

Basta prendere uno spessore di carta di un paio di millimetri; posizionarlo tra le due arcate in gesso del calco personale e  vedere poi cosa succede sul lato opposto a quello che è senza spessore. Controllare questi contatti e vedere come si aprono in zona palatina: la cuspide superiore si è allontanata dalla fossa e questo renderà instabile la posizione della mandibola e del corpo intero. Che fare?

Teoria di Occlusione Muscolare, 1993 Adriana Valsecchi. pag. 71 ALTALENA DEI MASSETERI, TEST N°4

Teoria di Occlusione Muscolare, 1993 Adriana Valsecchi. pag. 71 ALTALENA DEI MASSETERI, TEST N°4

Si potrebbe alzare dalla Fossa ma cosi, ci alzerebbe troppo ancora di più..Quindi è il caso di non spessorare la fossa, lasciamo stare la fossa e limeremo il versante esterno in zona vestibolare (verso la guancia) dove la cartina blu ha lasciato ora la traccia, in modo che la cuspide ricaschi dentro la sua fossa; fare naturalmente dei molaggi leggerissimi confidando nelle sensazioni e utilizzare tutte le prove incrociate, Bacio, Coca-Cola, altalena e finalmente la Sbarra e considerare che comunque non si potrà mai spessorare in un colpo solo, ma bisogna agire per gradi. La muscolatura, potrebbe anche accettare la situazione momentaneamente ma la questione delicata è  non perdere di colpo riferimenti utili e per non sbagliare troppo. 

Il giorno in cui sarà facile fare bene,  e individuare subito la questione e avere il controllo sull’Effetto Tenaglia, si avrà tutta la sicurezza necessaria per intervenire sui denti in fretta e bene. Bisognerà poi confrontare le due emiarcate tra di loro:

  1. Premolare di destra con premolare di sinistra.
  2. Molare di destra con molare di sinistra. 

il lavoro presuppone quindi due tipi di azioni .

  1. Uniformare tra di loro i denti della stessa emiarcata.
  2. Uniformare i denti dei due lati destro e sinistro.

Ma per il bilanciante ancora sbilanciato, senza grosse esperienze, è meglio proseguire senza cercare scorciatoie, perchè non ve ne sono, se si vuole uscire dalla malocclusione. Bisogna acquisire la massima sensibilità in bocca anche in presenza di minime modifiche occlusali. Che sono quelle che ci daranno la sicurezza di bilanciare oltre che nel rapporto anteriore-posteriore, entrambi i lati destro e sinistro.

©1993, 2006, 2014 A. Valsecchi a cura di C. Morcone

Annunci

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: