La Salute con l'Occlusione Muscolare

Articoli con tag ‘discedente’

MANDIBOLA BILANCIATA SPAZIALMENTE Parte III – I Limiti

Bilanciamento e torsione foto appim

Bilanciamento e torsione
foto appim

Nei soggetti bilanciati e nelle riabilitazioni le cuspidi vestibolari saranno sempre esterne ai contatti in Fossa inferiore.

Nei soggetti bilanciati e nelle riabilitazioni le cuspidi vestibolari saranno sempre esterne ai contatti in Fossa inferiore. (con una sola eccezione, il cross-bite)

Riprendiamo seguendo la linea logica dei due articoli precedenti. Qui il primo http://wp.me/p4ilI2-n3 e qui il secondo http://wp.me/p4ilI2-LH

Qualsiasi difetto di impostazione, tipo la torsione, regredisce via via che imposti i contatti seguendo i suggerimenti dati dai test muscolari. Fino al momento in cui non si sentiranno nei test incrociati le simmetrie di contatto solido (stop di retrusione e fosse) fino a che constateremo contatti bilaterali armoniosi esenti da difetti, fino ad allora la torsione e lo sbilanciamento saranno ancora presenti, seppure minimi ma presenti e responsabili di alcuni scivolamenti asimmetrici, di alcuni sovraccarichi, di alcuni problemini evidenziabili anche dall’osservazione delle gengive. 

Come supportare il ritorno in asse della mandibola? E QUALI SONO I LIMITI?

Innanzitutto non dobbiamo mai dimenticare che le due posizioni spaziali di occlusione centrica e massima retrusione si trovano trovarsi su piani differenti, da ICP a Retrusione la mandibola deve potersi abbassare e questo grazie agli Stop di retrusione. Fosse per la ICP, Stop per la retrusione.
Sui bite bilanciati dagli gnatologi regolarmente non vi è ombra di stop di retrusione, dobbiamo sempre pretendere quel piccolissimo versante inclinato sul davanti della fossa altrimenti non potremmo mai stabilizzare l’asse muscolare se non mantenendo la bocca costantemente chiusa sulle fosse, sempre che lo gnatologo abbia indovinato la mancanza di spessore dentario in ottica muscolare almeno in ICP (massima Intercuspidazione ). 

Detto questo, quali i limiti del metodo nel riportare una mandibola in asse?

Vediamo di chiarire immediatamente i termini sui quali ragionare: Distinguiamo da quella che può essere vista come “flessione”  che noi lo chiamiamo sbilanciamento “semplice” dovuto al fatto di avere una emiarcata muscolarmente più bassa, da quella che indiamo come Torsione , cioè un vero fuori asse muscolare della mandibola. Se essa è sbilanciata non è detto che sia anche fuori asse, mentre un fuori asse indica sicuramente uno sbilanciamento e la Torsione avviene sempre verso il Lato Basso. Al fine di inquadrare un “fuori asse”,  noi non guardiamo la punta del mento bensì la centratura delle labbra ,  essendo il bilanciamento muscolare quello che a noi interessa, spero che almeno su questo ci troveremo tutti d’accordo. Cuspidi appiattite superiori palatine non sono certamente favorevoli al Bilanciamento ma anche con quelle si può trovare una situazione di grande giovamento, seppur con maggior impegno e costanza.

PERCHÉ LA SBARRA CONTRIBUISCE A CONTROLLARE LA POSIZIONE SU MANDIBOLE SBILANCIATE?

Chiarito questo, parliamo ora della SBARRA, il timore che “un braccio tiri più dell’altro” è infondata, a meno di avere arti superiori REALMENTE  e non apparentemente di diversa lunghezza, la cosa è geometricamente impossibile, le spalle si posizioneranno alla stessa altezza e la colonna vertebrale si distenderà grazie alla forza di gravità. Il corpo si troverà in simmetria muscolare ancor più che scheletrica in quanto anni di malocclusione possono aver creato dei problemi alla colonna vertebrale ma la mandibola si posizionerà sicuramente in perfetto bilanciamento spaziale, questo è incontestabile, basta provarlo. Ricordiamoci comunque che la Sbarra è solo un metodo di controllo, non si possono prendere cere di masticazione in questa condizione.

E I MUSCOLI CONTRATTI ?

Riguardo ai muscoli perennemente contratti per cui le manovre non darebbero risultati attendibili anche questo non può essere vero. I muscoli sono contratti in quanto rispondono ad altezze dentarie muscolarmente sbilanciate ma dietro contrazione volontaria magari in Coca-Cola, non possono che contrarsi in maniera assolutamente simmetrica. Una volta individuato il vuoto e colmato con adeguati spessori, i muscoli si decontraggono istantaneamente nonostante anni di lavoro sbilanciato, certo, gli spessori non vanno inseriti a caso, se in Coca-Cola individuiamo il corretto asse muscolare retruso, in quella posizione non possiamo conformare delle fosse.

CAUSE ASCENDENTI O DISCENDENTI? 

Anche le tanto citate “cause ascendenti” non sono mai reali se non in presenza di arti inferiori realmente asimmetrici a causa di malattie, incidenti, ecc. Una volta inserito il corretto spessore tra le emiarcate, il corpo reagisce di conseguenza immediatamente, nessun periodo di adattamento, giusto in sede di convegno si è operato su un partecipante basso a sinistra e con gamba sinistra apparentemente più corta, una volta inserito un piccolo spessore tra le emiarcate di sinistra questo si è raddrizzato, come è stato tolto lo spessore si è stortato nuovamente e immediatamente, davanti all’evidenza gli intervenuti non hanno potuto che darci ragione.

E I CONDILI BLOCCATI?

Se una persona ha un blocco a livello di un condilo, la manovra del Bacio da sola non è in grado di portare in asse la mandibola, serve qualcosa di più robusto ed è proprio la manovra della Coca-Cola la più attendibile, che però ricordiamoci ci da indicazioni riguardo l’Asse Muscolare retruso, in quella posizione dobbiamo conformare gli stop di retrusione! Non scordiamoci della manovra complementare che è lo Sbadiglio, la mandibola “ingabbiata” nei muscoli in tensione simmetrica, durante la chiusura ci da indicazioni precise a livello di dita inserite nei meati uditivi, in entrambe le orecchie dobbiamo avvertire il rientro simmetrico dei legamenti, nel caso in cui in orecchio risultasse “vuoto” la mandibola va volontariamente spostata in quella direzione durante la chiusura.  Il primo contatto ci darà poi indicazione precisa riguardo la posizione della prima fossa muscolarmente corretta, continuando la chiusura, i condilo “alto” si fermerà mentre quello del lato basso continuerà a salire sino a che i denti del lato basso non entreranno in contatto. Eventuali rumori articolari o click (generalmente presenti sul lato alto) non devono né preoccuparci né influenzare la prova. Durante la chiusura, superato l’ostacolo del menisco sbilanciato, bisogna recuperare simmetria di chiusura concentrandosi sui rientri dei legamenti. Coca-Cola obbliga la mandibola ad arretrare e scendere (per cui i condili si allontanano dalla fossa) in modo muscolarmente bilanciato altrimenti la manovra in sè non avrebbe il minimo senso. In base a questa manovra conformiamo gli stop che guideranno la mandibola secondo una traiettoria muscolarmente bilanciata. Non parliamo qui di Rilassamento Profondo perché tanto, a quanto pare, è una prova psicologicamente rifiutata da molti a priori, mentre è fondamentale eseguirla.

Per esempio nel morso profondo, il primo problema da affrontare sarà il recupero della Dimensione Verticale DV ; il secondo sarà la rimessa in Asse Muscolare e poi il bilanciamento tra lato destro e lato sinistro e quello antero-posteriore. Nei morsi normali la DV sarà ovviamente minore da recuperare. Tenersi sempre pronti a riflettere molto sulle sensazioni di contatto, dovendo sforzarsi di distinguere e dare certe precedenze e priorità, usando tutta la concentrazione possibile e capacita´di fare. Con il bite praticamente si avrà una nuova occlusione adeguata, che non sara´certo perfetta e si dovrà fare in modo da correggerla al meglio tramite Fossa, Stop e Guide incisiva e di lateralità, al netto dei precontatti semplice e spaziali. 
Alla propria occlusione presente non si darà, per ora, troppa importanza dato che le modifiche sulla dentatura verranno affrontate solo in un secondo tempo, a fine Bilanciamento.

UNA SERIE DI RISPOSTE VIA VIA SECONDO UN DIARIO DI BILANCIAMENTO SCHEMATICO SARANNO UTILISSIME:

  •  In Bacio dove tocco? A destra o a sinistra ?
  • – In Coca Cola dov’è lo stop più alto? A destra o a sinistra ?
  • – Allo specchio da quale lato sale il sorriso? E perché sale? Per un’assenza dello stop del premolare oppure per un vero e proprio sbilanciamento?
  • – Quando cammino quale la gamba che cede ? Quale la gamba che accavallo ?
  • – Le fosse contattano tutte insieme alla prova della cartina blu? O la cartina slitta libera sotto qualche cuspide palatina..
  • – E in CocaCola (stop di retrusione) la cartina blu che risposta ti da?
  • – E alla Sbarra hai la riconferma del contatto più alto percepito in Bacio?
  • – Leggendo la traccia blu, la traccia è al posto giusto?
  • – Su quale dente è il fastidio maggiore? E’ causato da un precontatto oppure da uno scivolamento?
  • – Da che lato scivoli più a lungo quando chiudi da retrusione a ICP ? Incomincia a portare a pareggio quarto con quarto e poi prosegui spessorando leggermente se del caso anche gli altri denti.

 

©2004, 2011, 2015 A. Valsecchi, I. Barra ( a cura di C. Morcone) APPIM

Annunci

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: