La Salute con l'Occlusione Muscolare

Articoli con tag ‘disfunzioni’

COSA NE PENSO DELL’INTERROGAZIONE PARLAMENTARE SULLE DISFUNZIONI DELL’ATM

Ho letto per intero l’Interrogazione a risposta in commissione 5-05110 presentata da DI VITA Giulia 23 marzo 2015, seduta n. 397 DI VITA, GRILLO, MANTERO, DALL’OSSO, CECCONI, SILVIA GIORDANO e LOREFICE. — Al Ministro della Salute. Circa la malocclusione (DCCM) ovvero sulle Disfunzioni dell’ATM .

Interrogazione che però non mi è parsa focalizzata e per nulla addentro alla materia, recependo sì determinate situazioni di allarme dei pazienti che effettivamente sono tanti e con tanti sintomi, ma senza conoscerle a fondo, demandando al ministero una disposizione ad hoc, generica e non affatto identificata…. Peccato. Secondo me è stata una occasione persa.

Peccato anche non essere stati nemmeno informati (almeno io no di certo per quanto non sia che un paziente risolto) in qualità del ruolo principe e pionieristico e nel merito dell’Appim che ha valutato, evidenziato, risolto tale sequela di sintomi risolvendone la Causa, tramite i contatti dentari e il perfetto bilanciamento spaziale della mandibola, dimenticando quando invece l’Appim stessa a nome della fondatrice venne ad interloquire con il portavoce del ministro della salute in data 29 settembre 2004 e già nel 1997 con lettera aperta. Meglio rimarcare nella memoria dei fatti in linea cronologica, le questioni.

Nel lungo documento presentato a nome dei firmatari cito un passaggio:

l’Announcement of New Science Information Statement on TMDS, approvato nel marzo del 2010 dall’American Association for Dental Research (AADR), dal titolo «Management of Patients with TMDs: A New «Standard of Care», evidenzia sostanzialmente che ancora NON SONO state trovate terapie efficaci; la European Academy of Craniomandibular Disorders con le sue «Recommendations for examinations, diagnosis, management of patients with temporomandibular disorders ad orofacial pain by the general dental practitioner», in particolare nel paragrafo relativo alle terapie praticabili, afferma che NON E’ POSSIBILE trovare una terapia basata sull’eziologia poiché questa NON E’ ANCORA ben conosciuta;
viene altresì evidenziato che solamente pochissimi studi hanno approfondito i risultati terapeutici dovuti a una sola terapia occlusale.
In entrambi gli studi citati, in conclusione, si afferma che NON VI SONO certezze al riguardo, ma, soprattutto, che NON SI POSSIEDONO BASI scientifiche certe e che le terapie risultano efficaci o meno variabilmente a seconda del paziente; nelle raccomandazioni del Ministero della salute in odontostomatologia del 2014, alla pagina 155, si legge: «NONOSTANTE i fattori eziologici dei vari disordini temporomandibolari non siano ancora completamente chiariti, NON VI SONO correnti evidenze che malocclusioni, perdita di denti, interferenze occlusali causino in maniera diretta disordini temporomandibolari». Vi si legge subito dopo circa le terapie praticabili: «dispositivi intraorali (placche occlusali: NON ESISTE un disegno di placca che si sia dimostrato chiaramente superiore ad altri; è sempre consigliabile una costruzione individuale accompagnata da istruzioni personalizzate e seguita da attento monitoraggio)». A pagina 216 , poi, con riferimento alle «problematiche verticali» viene solo timidamente asserito che «Ancora discusso è il ruolo del deep bite (MORSO PROFONDO) nella patogenesi dei disordini cranio-mandibolari»; “ Avete letto quanti “NON”?

C’è da dire che nemmeno i firmatari ne sanno e quindi chiedono di terapie ad hoc. In pratica chi non ne sa, chiede a chi non ne sa, come fare per risolvere, ovvero come sapere. Capite bene che quando si parla di qualcosa bisogna sapere di cosa si parla…Noi lo sappiamo. Altri vorrebbero o tentano con buon cuore anche di sapere ma non si conosce se non si fa esperienza diretta. E questa noi la conosciamo fin troppo bene.

Il fatto è che invece, da questa parte, versante Appim, per averlo sperimentato a fondo e a pieno, SAPPIAMO BENISSIMO che tipo di dispositivo intrarorale ci serve, SAPPIAMO come modificarlo, quando e perchè, sappiamo autodiagnosticarci, e dialogare con i medici preparati a farlo e tecnici nel caso..SAPPIAMO le correlazioni tra corpo, denti, postura e sintomi. SAPPIAMO ogni millimetro quadrato del corpo a cosa si riferisce cambiando uno stop, togliendo un precontatto, abbassando o rialzando un punto di contatto di Fossa…SAPPIAMO esattamente come rialzare un morso profondo, aggirare un cross bite facendolo diventare funzionale, ricreare o creare un punto di contatto, eliminare quelli che occlusalmente non ci servono, ricreare un asse muscolare corretto, gestire e non solo, dimostrarlo agli altri e consigliare per fare in modo da POSSEDERE LE BASI del metodo riproducibile secondo i test muscolari Appim. Quindi le incertezze sono tutte altrove, non qui. Qui l’unica incertezza è come progredire velocemente e il ragionamento da fare volta per volta, se si è all’inizio tramite persone ragionevolmente riabilitate, perché incertezze di altro tipo, di certo non ve ne sono. Qui.

Chiudo affermando che Noi continueremo ad insistere in tutti i modi e con tutti i mezzi disponibili per affrettare il processo di rinnovamento, per avviare un discorso anche nelle Scuole, per indicare con fermezza a tutti i medici, dentisti e riabilitatori, l’uso delle manovre di controllo e l’utilizzo obbligatorio della Sbarra in studio. E soprattutto da parte mia a formare pazienti da autoriabilitare. Il metodo è pubblicato dal 1993, non ieri ma da 22 anni.

Ci siamo abituati a vincere contro le difficoltà negli anni durante i quali abbiamo dovuto da soli affrontare una certa sfida per supplire all’impreparazione GENERALE.
Peccato non essere stati interpellati, perché si sarebbe dovuta creare invece una tavola rotonda con soggetti risolti, con malati consapevoli, rappresentanti delle istituzioni, con tutta una serie di questioni che il testo lascia sospese mentre determinate risposte oltre a mille altre, le abbiamo date e le confermiamo tutti i giorni da anni e anni. Peccato, è stata una occasione di dialogo persa però bene che se ne parli dal punto di vista istituzionale. Speriamo in un futuro incontro.

Annunci

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: