La Salute con l'Occlusione Muscolare

Articoli con tag ‘mandibola’

MANDIBOLA REALMENTE FUORI ASSE , COME FARE?

SENZA BITE MALOCCLUSIONE

foto appim di caso di autobilanciamento risolto

Parliamo in questo articolo di una mandibola realmente fuori Asse,  che presenta quindi una reale deviazione del mento da destra verso sinistra. Si può notare dalle labbra NON CENTRATE TRA LORO.
Se un lato è sempre quello  Basso, quello cioè dove i denti mancano di spessore, l’altro è il lato Alto. Questo perché il rapporto tra angolo dell’occhio e angolo del labbro è più corto mettiamo a destra  (dove ad esempio il sorriso scivola via, lì il massetere si contrae maggiormente, lì la guancia è più tonda). Ed è sul lato Basso che generalmente si mastica più volentieri, seppure in asimmetria, tanto che l’abrasione è maggiore.
Ma nei casi di mandibola realmente deviata, il soggetto mastica più volentieri dal lato ove il mento si è spostato, perchè i denti lì si incontrano meglio. In questo caso il soggetto dovrebbe masticare a sinistra, sul lato Alto e non su quello Basso. I problemi ad orecchio, occhio, gola, e così via, potrebbero nascere a destra per via del condilo nella fossa destra che preme tessuti, nervi e vasi.
Se viceversa l’Asse di Centrica fosse spostato verso destra, i problemi potrebbero nascere sul lato sinistro, nonostante questo sia il lato “Alto”, per via del condilo sinistro fuori asse e sbilanciato che preme nella fossa glenoidea.
E’ dunque la deviazione mandibolare la causa maggiore dei problemi, soprattutto se è contemporanea ad uno sbilanciamento tra i due lati.
Bisognerebbe comunque effettuare un controllo muscolare con i test Appim, al fine di chiarire al soggetto stesso se lo spostamento dall’Asse è congenito e fonte o meno di malocclusione.
Se i test muscolari Appim dessero conferma di un asse mandibolare nella norma, nonostante l’asimmetria del viso, l’unico dato evidente e concreto di malocclusione sarebbe la differenza di altezza occlusale tra i due lati del viso.
da : Appunti Rossi, pag. 36. di A. Valsecchi (1991 ultima ed. 2013) a cura di Carmine Morcone appimlab 
Annunci

PRECONTATTO SEMPLICE E PRECONTATTO SPAZIALE

precoCV6X4-2OFBU

Precontatto normale e precontatto spaziale, iniziamo con una premessa:

Bilanciare il bite è inizialmente faticoso, un rebus, sembra una confusione totale.
Per il semplice fatto che mai siamo stati educati a percepire i contatti e valutarli per cambiarli. Solo noi lo possiamo fare.
Per esempio se chiudo sulle resine con le cuspidi superiori di stampo senza liberare l’unico punto di contatto certo, ci si ritrova con fosse che bloccano, con fastidi nel parlare, nel deglutire, con sensazioni difficili da interpretare, con tracce blu che non si sanno interpretare che possono dire tutto e il contrario di tutto, difficile impostare il mento, ovvero le Fosse e difficile sentire gli stop mai percepiti prima d’ora, arduo fermare una mandibola che scivola di lato con i soli piccoli appoggi che devono sì fermare la mandibola ma non bloccarla, anzi ne devono permettere agilmente i movimenti bilaterali e fluidi. Bisogna quindi usare le regole, semplificare al massimo la geografia dei contatti, a ricreare la somma di contatti e sfioramenti anteriori, senza impoverirne, stravolgere e nemmeno aggiungere ulteriori problemi ai problemi che già si devono risolvere.
Bisogna quindi sapere usare le Regole del metodo, i test incrociati, sapere come si vuole impostare, aiutarsi col calco e lo specchio, sapere usare le cartine blu che marcheranno quali sono le tracce da tenere e quelle invece da precontatto.

Soluzione al Rebus = 11.8

Searching_for_exoplanetary_systems.jpg

Il Precontatto normale o SEMPLICE è un eccesso di resina che ostacola il combaciamento dei denti vicini.
E’ rappresentato fisicamente da una sbavatura o da un granello sul versante inferiore oppure su una superficie di cresta o di Fossa che vengono percepiti troppo alti e che trattengono la cartina blu (lacerandola, a volte) mentre questa slitta libera dappertutto.
Il precontatto normale può essere localizzato anche su altre zone della superficie del dente, che non corrispondano a fossa oppure a stop di Retrusione e va limato con la fresa.
Questo perché il dente superiore non ha solo una punta, ma anche un corpo arrotondato conoide che nella movimentazione mandibolare può scontrarsi con zone inferiori nei vari movimenti di lateralità o di protrusione.
Questo per i denti posteriori, ma anche i denti frontali possono presentare i loro precontatti fastidiosi durante le sequenze di guida e in tempi diversi durante il lungo e continuo lavoro di rettifica.

Il precontatto spaziale è invece un precontatto invisibile agli occhi di estranei, non è evidenziato dalle cartine blu, il dentista non lo rileva mai a meno che faccia eseguire al paziente i test di controllo ed è difficile individuarlo anche per il bilanciante stesso.

Cos’è dunque questo precontatto spaziale ?
Esso è sempre un eccesso di spessore, ma che non ostacola il normale combaciamento completo delle arcate, ma di fatto impedisce il riposizionamento in bilanciamento spaziale e muscolare della mandibola. Esso va dunque eliminato rincorrendolo via via per consentire alla mandibola di riposizionarsi in simmetria muscolare.

Facciamo un esempio: Se stringendo le labbra sentiamo i due premolari di destra e di sinistra in modo uniforme e comodo, è possibile che facendo Bacio sentiamo alto solo il primo premolare di destra e vuoto a sinistra.
Bisognerà allora prendere una decisione:
Abbassare il premolare di destra considerandolo un precontatto oppure rialzare quello di sinistra.
La decisione dipenderà dall’osservazione del morso anteriore e dalla linea del sorriso. Se abbassando a destra rischiamo di abbassare troppo il morso, meglio sarà rialzare a sinistra sempre che così facendo non rischiamo di perdere la guida canina e una zona della guida incisiva.
I precontatti di tipo spaziale sono praticamente infiniti se si vuole arrivare ad un bilanciamento muscolare ottimale, ma è grazie alla loro eliminazione che il collo si raddrizza e la camminata diventa simmetrica. E’ grazie a loro che la postura cambia.

A. Valsecchi 2008, 2016 a cura ed edizione di C. Morcone appimlab 

LA BARBA DI FABIO FAZIO E LA SIMMETRIA DEL CORPO UMANO

tumblr_na7kmsivmL1sqcufqo1_500.jpg

Radio24. : Ecco la curiosa domanda di un nostro ascoltatore, “Ho osservato che la barba di Fabio Fazio la parte sinistra aveva la stessa colorazione della parte destra e volevo sapere se qualcuno ha mai studiato questo tipo di simmetria bilaterale e anche se ci sono alcuni punti del corpo in cui questa simmetria non viene rispettata “.
Risposta del prof. C.Alberto Redi docente di Biologia dello sviluppo, Università di Pavia.
C’è una spiegazione genetica circa la simmetria della forma?
Interessantissima la risposta…

Alora..C’è un fondamento genetico e più in generale spesso osserviamo degli organi assolutamente Asimmetrici, però dobbiamo ricordarci che questi si sviluppano sotto il profilo embriologico come FORME SIMMETRICHE, cioè sia a destra che a sinistra, poi si fondono..per esempio alla condizione del naso, alla condizione del cuore, tutti gli organi impari si formano in questa maniera, sono quindi un corpo unico ma che è simmetrico nella sua essenza. Sono due parti, per esempio basta pensare al cuore, due atri e due ventricoli, ma nella sua formazione si fondono nella formazione del feto e quindi del bambino completo.Una delle grandi domande della Biologia è come si origina la simmetria bilaterale, per cui si può tagliare in due e guardare allo specchio una delle due parti e vedi l’altra..Questa è una delle grandi domande…ci sono per ora solo ipotesi, delle idee..però può essere importante chiedersi qual è il vantaggio della simmetria bilaterale? In genere essa è associata al MOVIMENTO. La simmetria è utile anche circa la questione dell’attrazione, la riproduzione, per esempio come ad esempio il palco dei cervi, più è simmetrico e più è sessualmente stimolante per le femmine, tutte le decorazioni come il pavone sono simmetriche, questa simmetria esterna rappresenta anche quella interna..
Dalla biologia dello sviluppo, quali sono i meccanismi molecolari, all’acquisizione della Forma, che è una delle domande più importanti della biologia tutta, in modo da dare quella costituzione, quella forma.”

Noi, da pazienti risolti, abbiamo compreso l’assoluta importanza della tendenza alla simmetria spaziale dei contatti, alla simmetria muscolare, ovvero dell’attitudine al movimento grazie alla pressochè perfetta registrazione sui denti, in coerenza di movimenti tra i lati. Questa è la biologia, la fisiologia. Noi da pazienti lo abbiamo capito e attuato. Ed anche per oggi, a certe idee balzane e fantasiose predicate dalla gnatologia abbiamo fatto barba e capelli..

E tu?

Radio24 trascrizione  9/02/2015, 2016 –  a cura di C. Morcone appimlab 

LA GRANDE FAMIGLIA APPIM LAB

f8c1c33cb97e4b1287fd99a3560109f5a.jpg

APPIM è una grande famiglia formata non da vincoli genetici ma da vincoli di somiglianza intima, di amicizia, pur essendo molto diversi, una famiglia allargata.
E chi più di una famiglia di somiglianze, può conoscere e soprattutto risolvere il Dolore non compreso?

Un familiare d’origine ci vede sofferenti, un cugino pure, una zia o un nonno, e non può aiutarci, si sentono impotenti…al massimo un amico potrà dire, “Su non la vita”, “Divertiti, non pensarci su!”, peggiorando l’autostima, oppure “Vai da questo o quest’altro, mi hanno detto che è bravo, vai da questa, ha guarito tanti..” E il malato ci crede, prova, tenta, ci casca, ritenta e ci ricasca dieci, cento, mille volte..perché glielo ha detto qualcuno di cui si fida..Eppure il familiare, ne sa tanto quanto voi. Non ha gli strumenti per aiutarvi, ragiona per emotività. E’ comprensibile.

Ma ora invece pensiamo a chi realmente ha sofferto e realmente ha risolto..Quello è il vero familiare, è quello il punto da cui partire, non le parole o il sentito dire o le cento terapie tutte con la massima serietà beninteso e con le migliori intenzioni..anche se come si dice…le strade dell’inferno solo lastricate di buone intenzioni.

Per cui poi ci si ritrova da soli, senza energie, né economiche ma soprattutto di volontà di reagire ancora, per risolvere..Si vorrebbe chiudere gli occhi, riaprirli et voilà, tutto risolto, tutto finito, tutto a posto!
La vita però è ben diversa..e allora qui arriva la lezione della Sofferenza, della “Disperazione non disperata”, di quel briciolo ancora che rimane di speranza non vana, dove ci sia ancora una testa e due mani che funzionano, e un po’ di impegno per partecipare e capire che la propria salute prima di tutto è nostra, non di un’altra persona, non della medicina.

Bisogna prima di tutto essere educati a comprendere, ad osservarsi e tutto cambia e si vedono gli altri realmente per come sono: il lato alto, basso, come si muove una bocca, come dovrebbe muoversi, come dovrebbe stare, come la postura è determinata dal rapporto muscolare tra le arcate e quindi dei denti. Non possiamo delegare ciò che ci compete come persone.

D’accordo i denti ci fanno un po’ impressione, timore, ma è un timore tutto mentale..non c’è nulla di strano a pensare ai denti, non meno di un’altra parte del corpo.
E allora non ci si può non fidare di chi da paziente ha risolto tutto ciò che c’era da risolvere, che non permette a nessuno di riempire il cuore di tristezza, fino al punto di dimenticare che esiste, oltre la malocclusione, la Gioia.

www.appimlab.wordpress.com
www.twitter.com/appimlab
appimlab@yahoo.it

APPIM  AGILE Laboratori Permanenti di Bilanciamento Mandibolare.

2016 appimlab amministratore – Carmine G.  Morcone

L’INCLINAZIONE CORRETTA E VALUTABILE DELLA MANDIBOLA

8346-illustration-of-lips-.jpg

Una mandibola può assumere inclinazioni diverse, ma una sola è l’inclinazione corretta ; una sola e solo quella viene accetta dal corpo come completamente esatta, non vi è una altezza verticale prestabilita da raggiungere, bensì un’inclinazione corretta valutabile alla Sbarra, sempre.
Il punto è far combaciare i denti nei loro punti di contatto curvi senza alterare l’inclinazione spazialmente corretta dell’ATM nei confronti della mascella-cranio.
A dire il vero, volendo i denti combaciano sempre e continueranno a combaciare, nonostante il peggioramento dell’occlusione grazie all’usura, all’intrusione, allo sfondamento, alle deviazioni.
Ma se la malocclusione è causata dai molaggi del dentista su alcuni denti soltanto, è possibile invece che i contatti dentari poi non combacino dappertutto, idem dopo certa ortodonzia e quindi nascano così sensazioni fastidiose, emicrania, instabilità di postura.

Le manovre non sono una ginnastica riabilitativa, esse sono solo dei test di controllo che denotano il punto spazialmente più alto e di conseguenza il paziente capisce qual’è il lato basso da spessorare.

In un benoccluso le manovre non possono dare risultati di asimmetria, è logico;  il test dell’Altalena dei Masseteri è impossibile da farsi e così il controllo degli scivolamenti anomali. Infatti, a riabilitazione avvenuta o avanzata, la muscolatura non ha gioco, parafunzioni o disordinata attività: è lì tranquilla e stabile grazie ai denti; sono tuttavia i confronti tra le due emiarcate che danno sicurezza e le manovre si basano sui confronti.
Per fortuna la mandibola ha in sé il mezzo per autovalutarsi grazie a muscoli appaiati bilaterali e ai denti stessi e al fatto che la mandibola è un corpo indipendente dalla mascella.

La posizione di occlusione centrica o di intercuspidazione dentaria avviene quando si stringono le mascelle, essa non è la posizione abituale né quella di riposo. Noi non viviamo a denti stretti, ma con denti inferiori leggermente retrusi rispetto ai superiori eccetto che quando stringiamo o deglutiamo.
I muscoli rilassati portano la mandibola in posizione di riposo retrusa (o in posizione protrusa) e in ambedue i casi l’articolazione si abbassa e arretra (o avanza) leggermente, i contatti non sono di cuspide superiore contro fossa inferiore, bensì di cuspide superiore contro stop di retrusione inferiore, oppure di incisivi inferiori che sfiorano gli incisivi anteriori ma pur sempre la posizione di riposo è una situazione di muscolatura in tono perché il paziente è vigile.
La muscolatura non è in rilassamento profondo come quando si dorme a bocca semiaperta.

Qualsiasi controllo in posizione di riposo in retrusione è privo di valore essendo la mandibola con muscolatura in tono probabilmente posizionata storta in quanto all’interno di una muscolatura resa asimmetrica dai denti stessi sbilanciati. Purtroppo essi sono i controlli che si fanno nello studio dentistico o in chi non controlla spazialmente, con la muscolatura in tensione bilaterale grazie ai TEST DI CONTROLLO DELLA FUNZIONE MUSCOLARE targati APPIM dal 1993.
I controlli eseguiti con muscolatura in tensione o in Rilassamento Profondo danno indicazioni molto utili al lavoro riabilitativo poiché in questi due stati muscolari opposti l’osso della mandibola si situa in posizione bilanciatissima.

Se è la muscolatura che richiede sostegno ulteriore sui molari, lo spessore va applicato solo sui molari e sul quinto, non è detto che tutti i denti debbano essere rialzati.
I primi premolari (i Quarti) danno la linea del sorriso e una volta impostata questa, bisogna pensare dunque alle altezze dei denti posteriori (Quinto, Sesto e Settimo) ed aggiungere spessore fin tanto che alla Sbarra risultano in contatto solo i premolari e il sesto eventualmente; alla Sbarra il contatto laterale deve essere completo da 4 a 7 su ambo i lati.

Con molari bassi, i rapporti testa-collo-dorso resteranno asimmetrici, mentre esagerando nel rialzare i molari subito i premolari perderebbero contatto reciproco, ci troveremmo con i quarti e i quinti staccati e quindi da evitare anch’essi.

Alla Sbarra ci rassicuriamo se sentiamo battere contemporaneamente da 4 a 7 sia a destra che a sinistra. Attenzione, non è la Curva di Spee che ci deve interessare, d’accordo ben venga se c’è, agevolerà il lavoro di Disclusione e permetterà di aprire vie di uscita laterali senza perdere troppo tempo, ma il nostro corpo sta diritto grazie alle altezze dei denti posteriori equilibrate tra di loro, ovvero ai premolari e molari, ovvero alla distanza tra mandibola e mascella imposta (e suggerita) dalla Sbarra dopo aver impostato la linea del sorriso a tavolino.

Facebook
twitter
appimlab@yahoo.it
APPIM  AGILE Laboratori Permanenti di Bilanciamento Mandibolare.

A. Valsecchi 2004, 2016 a cura di C. Morcone appimlab

MA LA POSTURA DA COSA E’ DETERMINATA?

 

Quando iniziai il Bilanciamento, molti anni fa, ho avuto la fortuna e una situazione unica di avere sotto casa, proprio a 5 metri di distanza, una palestra che si occupava soprattutto di rieducazione posturale con una “panca fai da te”, ad angolo, con vari esercizi..Mentre io continuavo giorno dopo giorno a modificare e quindi a cambiare completamente la deglutizione, ricreare le condizioni per ritrovare respiro, alzandomi di qualche centimetro e restando tale, pur rispettando la fisiologia del mio corpo eppure lavorando molto alla spalliera di legno (tra gli 11 e i 12 anni feci ginnastica correttiva per le “scapole alate” ovvero paramorfismo comunque non curato assolutamente) alla Sbarra e con una certa difficoltà perchè ero solo, tra forum e tavolino e telefonate periodiche ad Adriana..La proprietaria della palestra, persona competente di questo metodo, mi disse che avevo una deglutizione strana..sicuramente data dalle altezze che davo al bite e al ricrearsi di tutta un’armonia dei tessuti…non me ne sono curato molto, pensavo soprattutto agli stop di retrusione che non arrivavano…per un anno sentivo solo due stop per parte e pur lavorandoci moltissimo non riuscivo a sentire gli altri..c’erano ma non li sentivo..ero parecchio frustrato.
Però durante i mesi, tornato in palestra dopo 12 anni di fermo, gli anni migliori dal punto di vista muscolare, persi per sempre a causa dell’ignoranza che sovrasta il mondo della gnatologia ed odontoiatria, oltre che appunto anche nell’ambito posturale, perchè è comodo avere pazienti inconsapevoli e ignari, e comunque non saprebbero nemmeno loro cosa fare..

Ebbene in tutto questo, notavo che più cambiavo io, negli spogliatoi e più gli altri del corso posturale restavano uguali, sostanzialmente, solo più stanchi.
C’erano in particolare un padre ed un figlio adolescente, tornavano dalla panca fai da te sempre stanchissimi e contenti..non mi facevo capace del perché visto che io invece spingevo pesi e facevo davvero sforzi sovrumani per riassemblare un corpo che non era più mio da decenni. Eppure restavano pressoché uguali, però loro erano convinti di migliorare. Io non facevo altro che osservare, in maniera dettagliata i loro non cambiamenti sostanziali a fronte di una malocclusione con denotazione familiare.
Nel giro poi di un intero anno, senza pensarci troppo su, gli stop di retrusione sono arrivati tutti assieme..la deglutizione atipica è scomparsa, così come la posizione della lingua, rimasta per un paio d’anni sempre di lato, seppur lavorandoci alacremente…Il corpo ha i suoi tempi, che non sono quelli di un infantile batter d’occhi.
Ma chi le può dire queste cose con reale cognizione di causa, se non chi ha oltrepassato il valico dalla malattia alla Salute? Noi pazienti evoluti.

Agile

www.appimlab.wordpress.com questo blog
www.twitter.com/appimlab
appimlab@yahoo.it  EMAIL
telegram.me/appimlab
APPIM Laboratori Permanenti di Bilanciamento Mandibolare.

LIGURIA -Adriana Valsecchi appim@appim.it  Igor : Savona

LOMBARDIA – Carlo G.  : lombardia

UMBRIA – Antonio C.  umbria

ABRUZZO – Carmine Morcone  appimlab@yahoo.it       amministratore

LAZIO – ROMA – Simone N.  Roma

CAMPANIA – Pietro M.   campania

PUGLIA  – Francesca B. puglia

TOSCANA

VENETO

SICILIA  – Viorica P. sicilia

© Carmine Morcone 2007, 2016 –  da appim forum storico e appimlab

LA GUARIGIONE E’ ARRIVATA ANCHE A ME, CERTO DOPO L’IMPEGNO E LA COSTANZA. COME? LEGGI

qfrvHhOAEMA

Juan Gatti

Voglio raccontare a tutti APPIM mi fa recuperare la salute dell’intero corpo! La guarigione è arrivata anche da me. Sono molto felice e ringrazio di cuore Adriana, Carmine ed Igor che non hanno cessato mai di essere disponibili in questi 2 anni (quasi tre) da quando conosco ed applico questo metodo.
Nel 2009 mi fu depistata un insufficienza renale cronica 3 livello, i reni funzionavano come avessi avuto 80 anni!! Spaventata, cominciai a cercare la causa. Tra l’eco, scintigrafie e tutti altri tipi di ricerche non si trova la causa e mi veniva sempre detto che la velocità di filtrazione era molto ridotta, che non c’era niente da fare non conoscendo la causa e fra qualche periodo sarei arrivata a dieta severa poi in dialisi. Ma il MIRACOLO APPIM è arrivato nel 2013 quando ho messo in bocca un bite è l’ho modificato con costanza tutto questo periodo.

Quei pochi millimetri di resina aggiunti sui denti posteriori hanno fatto che anno dopo anno la velocità di lavoro dei reni è aumentata poco a poco, vi dico in quanto ero tutta monitorizzata. Dopo solo 3 anni, quindi adesso nel 2016, i miei reni filtrano con la velocità normale!! Due mesi fa il dottore nefrologo, tutto emozionato, mi ha detto che non c’è più insufficienza renale… una malattia irreversibile è tornata in dietro facendo sbalordire i medici.
Dunque, nella sua gioventù la mia mandibola latero deviata in torsione sx e MORSO PROFONDO mi ha provocato una scoliosi, raddrizzamento della lordosi lombare con ernie, torsione del bacino ed inversione della curva cervicale con ernie complicata che contatta il nervo C4-C5.

Dimenticavo le GINOCCHIA, adesso sono simmetriche! Il sinistro era molto più basso di destro, non potevo uscire con pantaloncini. Anche i bambini osservavano. Gli ACUFENI che mi terrorizzavano da 2 anni sono completamente scomparsi. Le labbra sono riapparse! C’è ancora un resto di “codice a barre” sopra il labbro superiore ma almeno ho un labbro! Ancora un’altra cosa molto importante che ho recuperato…. ora riesco a RESPIRARE normalmente in qualsiasi posizione si trova la testa.

Ogni volta che piegavo la testa in basso o di lato dovevo fare dei respiri molto rapidi/brevi e forzati per ossigenarmi. Per non raccontarvi delle sofferenze comune che sono scomparsi, tipo… mal di testa, mal di schiena e dolore nelle tempie….etc. Sono felicissima e sto benissimo soprattutto perché mi sento tutte le dita delle mani che prima avevano perso la sensibilità.
I neurochirurgi mi prescrivevano una risonanza al collo almeno una volta l’anno per decidere quando operare la mia colonna cervicale. Mi sono liberata da un grande peso, sto vivendo una vita nuova!
Grazie APPIM!!!!

V.P.

APPIMLAB LABORATORI PERMANENTI DI BILANCIAMENTO MANDIBOLARE

LABORATORI PERMANENTI DI BILANCIAMENTO MANDIBOLARE APPIMLAB

INFORMAZIONI PER LE SEDI IN ITALIA DI INCONTRI TRA PAZIENTI

appim

appimlab – questo blog –

facebook gruppo

https://www.facebook.com/APPIM-LAB-Gnatologia-Bilanciamento-Mandibolare-Artrosi-Ansia-282240501883895/?ref=ts&fref=ts

Twitter

telegram

EMAIL:

appimlab@yahoo.it

 

appimlab logo GRUPPI.jpg

appimlab è un progetto di C. Morcone ,  2016

SINDROME DI MENIERE PUO’ ESSERE RISOLTA

zygomatic_process1347142869591.png

OSSERVA BENE LE CONNESSIONI DIRETTE TRA ATM CONDILI E ORECCHIO

Gli ACUFENI, come sintomo, possono essere derivazioni ed effetti secondari di diversi farmaci e sostanze come: salicilati, aminoglcosidi, acido etacrinico, furosemide, alcool, nicotina, chinidina, chinino, diazossido, diflunisal, ibuprofene, indometacina, lidocaina, anestetici locali, naprossene, piroxicam, antidepressivi triciclici.

Nella Sindrome di Ménière, per esempio, che ha tre stadi dal leggero al grave e prolungato, l’acufene è evidenziato dal carattere di tonalità grave, come un rumore di cascata o sensazione di pienezza auricolare. Vertigini e problemi all’udito sono spesso associati ad essa.

Ma è anche chiaro che se la persona è malocclusa e accusa certi sintomi, farebbe bene a risolverli e presto col Bilanciamento mandibolare APPIM, visto che si può benissimo risolvere, seppure, e non potrebbe che essere altrimenti vista la questione di estrema delicatezza, tramite un lavoro certosino, costante ed onesto su se stessi tramite il bite e poi nella propria bocca, finalizzando l’equilibrio derivato dal suddetto bilanciamento.

www.appimlab.wordpress.com (QUESTO BLOG)
APPIM LAB – Gnatologia Bilanciamento Mandibolare Artrosi Ansia (FACEBOOK)
email  (EMAIL)
telegram.me/appimlab (GRUPPO TELEGRAM)

Un grazie alle info di M. Salomone circa le connessioni farmacologiche.

a cura di C. Morcone appimlab 2016

 

VALUTARE LA POSIZIONE DEL MENTO

V0Ivt_GbnIs.jpg
Valutazione della posizione del mento…

Esistono vari metodi di autovalutazione del mento, considerando che sono le Fosse che determinano la posizione del mento.

1. Posizionarsi sul bite senza distanziare tra di loro gli incisivi più del necessario, osservare il bite inserito in mezzo ai calchi di gesso e valutare una eventuale deviazione rispetto ai rapporti originari.

1609894_10203196796666213_1411679966_n

foto C. Morcone appimlab

2. Impostare gli stop di Retrusione sulle resine e riflettere sull’entità della retrusione. Lo slittamento all’indietro da fossa a stop durante l’aspirazione a denti ravvicinati non deve essere eccessivo e neppure assente.

3. Se la retrusione è eccessiva può significare che il mento è troppo avanzato rispetto al giusto oppure che lo stop è lontano dalla fossa o troppo poco inclinato.
Se la retrusione è invece inesistente può essere che esista un precontatto che blocca oppure che la mandibola sia già retrusa e più di tanto non possa arretrare.

4. Controllare la sensazione che le dita rimandano quando inserite nelle orecchie durante la chiusura dello Sbadiglio. Se nella chiusura dei denti le dita perdono il contatto dei legamenti che trattengono i condili e che le dita debbono percepire chiaramente, tanto che i meati risultano vuoti da una bilaterale contrazione; se così fosse significa che il mento è troppo protruso.

5. Effettuare la prova del rilassamento profondo. A testa riversa sullo schienale di una poltrona, dopo aver dormito per pochi minuti con denti forzatamente staccati, chiudete la prima volta con grande cautela fino al primissimo contatto, dopo esservi però raddrizzati di collo e testa pur restando seduti a schiena diritta.

Se nel chiudere le cuspidi superiori entrano perpendicolarmente in Fossa senza scivolamenti significa che quella è la posizione giusta del mento.
A. Valsecchi 2007, 2016  a cura di C. Morcone appimlab

 

 

 

 

 

 

 

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: