La Salute con l'Occlusione Muscolare

Articoli con tag ‘modifica’

DISTINGUERE STOP DI RETRUSIONE DAI PRECONTATTI

Bite secondo Teoria di Occlusione Muscolare. Le cuspidi vestibolari non sono in contatto sul bite, le palatine di premolari e molari sono tutte in Fossa.  (Foto C. Morcone)

Bite secondo Teoria di Occlusione Muscolare. Le cuspidi vestibolari non sono in contatto sul bite, le palatine di premolari e molari sono tutte in Fossa.  Anteriormente non si evince contatto di canini e incisivi sul bite. (Foto C. Morcone)

DISTINGUERE STOP DI RETRUSIONE DAI PRECONTATTI

Innanzitutto, ricordiamoci, dopo aver effettuato la modifica a resine fluide morbide, poi polimerizzate in acqua tiepida (35°C), indi asciugare con carta assorbente, pulire tutto ciò che non serve, le sbavature dietro e a lato vanno eliminate e poi ricordarsi sempre a resine secche di verificare dente per dente con la cartina blu nelle due posizioni occlusali.

Nell’imprimere le resine morbide, il fatto stesso di chiudere lentamente i denti (dalla Posizione di riposo retrusa a Intercuspidazione – Bacio -) determina la creazione di versanti inclinati attorno alla fossa per effetto della cuspide superiore che “scende” sul bite spostando la resina.
L’unico versante da conservare è quello di Stop di retrusione, posizionato sul davanti della Fossa (in direzione cioè della punta della lingua). Tutti i rimanenti versanti possono essere tranquillamente limati in modo che la Fossa divenga un largo catino il cui fondo non deve assolutamente essere modificato se non in un secondo tempo e previo ragionamento.

Fossa e Stop sono i due punti essenziali alla movimentazione della mandibola, per la salute delle gengive e per la stabilità del corpo. Le gengive si ritirano ove mancano a lungo contatti di fossa e/o di stop;

La forza muscolare ha bisogno dei due tipi di sostegni e  quindi, non di appoggi di centrica lunga, e non solo di sostegni di Fossa.

E’ possibile che nonostante la presenza di belle fosse e stop, la cartina blu denoti qualcosa di irregolare nel chiudere in Bacio.. Un bordino blu, e un blu leggerissimo od assente al centro della Fossa, a significare che la cuspide palatina superiore non contatta il fondo della cavità come dovrebbe. Il bordino va limato.

E’ possibile che la sensazione in Coca-Cola sia di stop troppo ripidi. La cartina lascerà un segno forte sul versante inclinato.
inutile andare a cercarlo in fossa. Solo il Bacio può denotare precontatti di fossa, non la Coca-Cola.
Il segno di stop va alleggerito ma non limato del tutto.

E’ possibile che nonostante la presenza di stop e fosse il corpo sia instabile e non solo per il residuo sbilanciamento. Qualcosa rende indeciso il passo. Aprendo e chiudendo adagio la mandibola, bisogna andare a verificare le anomalie durante il percorso fossa-stop. Un ruvido intoppo della resina, uno scalino, un bordino deviante…Tutto può creare un difetto nel camminare o all’anca o al collo nel guidare l’auto.

E’ possibile che l’Asse Muscolare non sia ancora corretto e che la schiena lo rifletta.
Andando in Coca Cola bisogna verificare se l’unico versante di stop percepibile chiaramente nell’aspirazione rappresenti un sostegno comodo.

Non fare confusione tra Stop e Precontatto.

Se lo Stop è uno solo lo si può confondere con un precontatto; ma quando gli stop sono due o tre già ci si accorge del benessere che trasmettono…bisogna lavorare con le resine per costruire gli stop che mancano. In genere, a fossa bassa corrisponde Stop basso.
Che fare? Aggiungere un poco di resina in fossa, chiudere con Bacio, attendere che secchi dopo aver aspirato con Coca-Cola. Pulire attorno alla Fossa e andare a ricontrollare sulla base delle sensazioni.

Per chi si è dimenticato di chiudere mentre le resine erano ancora morbide, a resine secche la fossa risulterà molto alta. Prova del Bacio, cartina blu sul dente “alto”, sfondare con il trapano il blu e tutt’attorno ancora, lasciando solo il versante anteriore, che non sia però troppo ripido. Fintanto che la bocca rimane sbilanciata le manovre di controllo denoteranno sempre un solo precontatto. Una sola fossa alta e un solo sostegno di stop, probabilmente sullo stesso dente, ma non è detto neanche questo.

Proseguire nel Bilanciamento

Poi a mano a mano che ci si bilancerà la sensazione sarà di sostegni più diffusi…ma sempre uno sarà il vero punto “alto” , che cambierà però da dente a dente nel procedere con i molaggi. Come già scritto in altri articoli, la fase finale del bilanciamento prevede soprattutto un abbassamento dei punti alti più che un rialzo dei punti bassi. Ed è per questo che una decisa dimensione verticale iniziale dei denti è da consigliare (purché il morso anteriore non si apra) per poter poi in un secondo tempo scendere senza rischiare il morso profondo..Mentre sul bite bisognerà invece procedere rialzando poco per volta e naturalmente abbassando…Ricordiamoci che il bite è solo scuola, si può sbagliare fin che si vuole; sui denti, molto meno.

Collo e schiena avranno intanto già ben recuperato a meno che un precontatto “dimenticato” provochi ancora fastidi.
Allora bisognerà procedere con molta cautela evitando di sbagliare per non ulteriori ore di lavoro e nel dubbio meglio prendere tempo per riflettere e rimandare la modifica di un giorno o due.

C’è ancora confusione su cosa è una Fossa e cosa uno Stop?

C’è ancora confusione su cosa è una fossa e cosa uno stop?: la fossa è un puntino in corrispondenza dell’inizio dello stop non l’intero cratere che ancora si vede sul tuo bite. La fossa non può essere in salita sarà semmai lo stop che giustamente sale per permettere alla mandibola di abbassarsi. Nel caso si sia Cross-Bite, monolaterale o bilaterale, quindi (spiegato grossolanamente) cuspidi dei premolari e molari superiori palatine, che non entrano in fossa dei denti antagonisti inferiori ma invece  si evidenzia una o più cuspidi vestibolari che entrano in Fossa, allora usare questa/e come cuspidi di stampo sul bite, eliminando la fossa creata dalla cuspide palatina superiore. Se invece non vi sono elementi dentari, il bite potrà essere più profondo tanto da occupare lo spazio per ora mancante del dente ma intanto che si prosegue nel Bilanciamento, fare in modo da reimmetterlo in qualche maniera, secondo direttive del medico competente (implantologo se serve).

Non ci deve preoccupare troppo dell’orientamento dell’asse muscolare sul bite, l’importante è sempre e solo sentire contatto comodo da ICP a Massima Retrusione  con guide che assecondino il movimento senza blocchi o vuoti. Niente “piste”, niente “guide di gruppo”. Verificare con le cartine e poi riparlarne nei commenti, nel gruppo FB, o via email.

© 2005, 2011, 2014 A. Valsecchi – APPIM (a cura di C. Morcone)

Annunci

SAI FARE UNA MODIFICA AL TUO BITE CORRETTAMENTE?

ENTRIAMO NEL DETTAGLIO. 

Attenzione: Ogni consiglio è puramente indicativo e verrà spiegato nei corsi di formazione e Laboratorio. Consigliamo di non farne uso se non dopo aver seguito gli stessi. 

Mescola poche gocce di liquido ad una spruzzatina di polvere.
Continuiamo circa le informazioni di base per aggiungere resina a freddo al suo Bite o protesi per i piccoli rialzi per sostenere collo, testa, schiena e corpo.
???????????????????????????????
  1. Lava il Bite con acqua corrente e dopo asciugalo bene….
  2. Se hai il trapanino spento, con una fresa in dotazione (1,8mm), leviga in modo leggerissimo la parte interessata all’aggiunta di resina. Questo serve per far aderire bene la stessa resina evitando distacchi, dato che si aggiunge SEMPRE resina a resina, non si toglie via nulla, se non i bordi esterni tranne il davanti la Fossa (in Blu), overo lo Stop di Retrusione (in Rosso).
  3. Metti la polvere di resina in un recipiente in silicone adatto (5 ml) o coppettine adatte.
  4. Poi aggiungere liquido facendo cadere poche gocce (due o tre) nella polvere.
  5. Nel versare in tal modo il liquido, con una spatolina incomincia a mescolare velocemente polvere e liquido. Nel fare questo i due componenti si fondono uniformemente tanto da darti una resina impastata in modo omogeneo. Dovrai fare in modo che l’impasto non sia liquido ma, deve avere una semifluidità compatta…deve fare la goccia senza cadere nel recipiente.
  6. Nel frattempo  inumidisci con pennellino di liquido sul bite. Questo serve per far aderire la resina molle alla resina dura del Bite.
  7. Quando vedi che la resina che hai impastato è diventata adatta, mettere una goccia nella Fossa da spessorare.
  8. Subito, sempre seduti, dritti sulla sedia, inserire il Bite in bocca (o protesi mobile) e chiudere stingendo piano in BACIO. Poi velocemente in COCA-COLA.
  9. Questo formerà FOSSA e STOP di RETRUSIONE (OCCLUSIONE CENTRICA e RELAZIONE CENTRICA).
  10. E’ bene ricordare che d’estate a causa del caldo, si devono accellerare i movimenti per l’operazione desiderata, o aggiungere più liquido (altre due gocce). Altrimenti il composto di resina si indurisce immediatamente. D’inverno invece indurisce molto più lentamente.
  11. Prendere il bite e metterlo in acqua a 35°C per 5-10 minuti affinchè polimerizzi bene.
  12. Sciacquare, asciugare il bite, indossarlo, eliminare i residui attorno e allo spessore creato in Fossa e continuare con le manovre di Controllo di nuovo, Sbadiglio, Cocacola, Bacio, Altalena…
  13. controllando poi alla fine con Sbarra e Rilassamento Profondo.

Chi non ha studiato il metodo poi e non si sia fatto consigliare secondo libro, indicazioni, gli incontri con gli istruttori e collaborando con i professionisti amici, non sta certamente utilizzando Appim ma pratica senza fondamento alcuno. Se ne assumerà ogni responsabilità personale.

© 2014 a cura di C. Morcone -APPIM

RESINA E PRATICA PER CREARE FOSSE E STOP

COME FARE UNA BUONA MODIFICA E RICREARE OCCLUSIONE CENTRICA  E RELAZIONE CENTRICA

lang

Queste una serie di istruzioni su come operativamente agire per ritornare in simmetria. Facili e semplici. Ho aumentato l’esposizione per renderla ancora più completa.
Dunque:

  • a- Sulla resina fresca incrociando Bacio e Coca-cola crei l’impronta che poi andrà verificata/modificata quando si sarà seccata.
  • b- La cartina blu va usata con il bite in bocca per le verifiche di ICP (Bacio) e retrusione (Coca-cola) e deve poter essere trattenuta nelle due posizioni occlusali da ogni cuspide superiore, va quindi passata sotto ogni dente superiore.
  • c- Ti consiglio per le prime volte di farti uno schema su carta dente per dente, aiuta parecchio a capire.
  • d- Il calco in gesso lo usi solo per studiare come sono i rapporti occlusali, cosa contatta dove, ecc.

Durante il bilanciamento sul bite può essere utile come ulteriore verifica dei contatti:

  • 1. Quando stringi i denti sei in massima intercuspidazione (ICP ovvero Bacio)
  • 2. Quando aspiri l’aria forte a denti ravvicinati (CocaCola) vai in Retrusione.
  • 3. Quando avanzi con il mento per strappare con i denti un pezzo di pane vai in Protrusione.

TEST DI VERIFICA
Per capire se la tua InterCusPidazione (fosse ) e la tua Retrusione sono nelle regole esistono alcune prove:

– per verificare l’ICP esatta ovvero le Fosse ovvero la posizione del mento…bisogna andare in Rilassamento Profondo da seduti (il controllo va fatto a schiena e testa diritte). Devi chiudere entrando in verticale sulle fosse…come coperchio su scatola;

– per verificare la Retrusione: se è troppo ravvicinata o troppo lontana o asimmetrica… vi sono invece vari sistemi…il più semplice è sempre la CocaCola riflettendo sulle sensazioni di contatto.

La verifica più importante è comunque la prima.
Se sbagli la posizione delle Fosse (e del mento) sfalsi anche gli Stop di Retrusione e sfalsi le altezze posteriori.

Comunque tutte le manovre incrociate servono alle verifiche e anche le sensazioni muscolari di benessere o di malessere ti daranno alcuni suggerimenti.

IMPOSTARE GLI STOP CON LA COCA-COLA
La Coca-Cola la puoi usare per prima per impostare le traiettorie inclinate di retrusione.

Inizi con il mento in una posizione accettabile, stringendo pochissimo e vai in CocaCola sulle resine morbide in modo da preparare versanti di stop in asse corretto. OK.
Poi immediatamente prima che secchino ti porti da Retrusione in avanti scivolando e stringendo bene senza stortarti …e così conformando le fosse.

IMPOSTARE LE FOSSE CON IL BACIO

  1. Poi ricominci da capo, ma in un altro modo.
  2. Controlli le fosse con la prova del Bacio…verificando in pratica solo i Premolari.
  3. Poi ti appendi alla Sbarra e verifichi le altezze degli altri denti laterali…le fosse cioè di 5°-6°-7°.
  4. Ti metti seduto e fai la Coca Cola per verificare tutti i versanti di stop. Se non li senti tutti, le ipotesi sono tante…
  5. che il tutto sia ancora basso.
  6. che non esistano i versanti oppure che siano malfatti e cosi via..
CONFORMARE IN MANIERA OTTIMALE LE FOSSE
La prova del Bacio per conformare le fosse di intercuspidazione Nello stringere i denti in intercuspidazione portando in tensione i muscoli delle labbra, la mandibola va in un buon bilanciamento spaziale…

ma non è sufficiente stringere sulle resine morbide per ottenere risultati sicuri..Bene, a resine secche bisogna ripetere la prova valutando il premolare più alto, che sia destro o sinistro. Sulla base della sensazione di contatto si potrà distinguere l’emiarcata più alta..Nel chiudere in Bacio non si può pensare di entrare in fossa scendendo in verticale. Perchè? Perchè la posizione di partenza è sempre una posizione di LEGGERA RETRUSIONE o Posizione di Riposo; il che permette di costruire anche un minimo versante inclinato (Sto di Retrusione appunto) ma anche questo stop deve essere verificato con la prova della Coca Cola.
La massima tensione muscolare di questa prova garantisce il posizionamento in asse muscolare.Se aspirando l’aria fortemente a denti stretti un singolo stop è percepito significa che la mandibola è ancora sbilanciata.
  1. Quanti Stop si dovrebbero percepire immediatamente in Massima Retrusione o Relazione Centrica? 5-6 Stop  per parte sono l’obiettivo da raggiungere (dipende dall’esistenza dei terzi molari od ottavi e/o cuspidi dei molari).
  2. E quanti numericamente? Uno per ogni fossa e cuspide di stampo.

Questo permette di sostenersi comodamente su di essi senza necessità di stringere in fossa,che assicura la rimessa in asse perfetto di mandibola e condili. Le continue modifiche debbono essere effettuate per arrivare a questo risultato, e le cartine blu sono il mezzo indispensabile per valutare i contatti difettosi ed effettuare i ritocchi leggendo e interpretando la traccia lasciata.

bilte autobilanciato Appim con Fosse e -Stop

bilte autobilanciato Appim con Fosse e -Stop

VELOCIZZA CON LE SCORCIATOIE
Per spessorare è sufficiente una capocchia di spillo (resina) nel mezzo della fossa…e prima che secchi la resina puoi con l’unghia eliminare i bordi attorno, e schiacciare un poco lo stop perché indurendosi la resina sembra piu’ alta.

BILANCIAMENTO E SENSIBILITÀ
Il Bilanciamento (o meglio Auto-Bilanciamento) ha bisogno di ASSOLUTA SENSIBILITÀ in fase di Test di controllo…Senza di questa non puoi valutare i precontatti e le traiettorie. Evitare quindi farmaci, droghe, alcool compreso e sostanze sintetiche e/o naturali che interferiscono e alterano le sensazioni fisiche di percezione della realtà sensibile.

Tutto questo serve per tornare alla salute e senza sintomi, in perfetto bilanciamento muscolare, grazie all’occlusione corretta.

LA SBARRA + RILASSAMENTO PROFONDO

Finalmente alla Sbarra potremo poi verificare tutti i contatti posteriori, premolari e molari, che verranno percepiti all’unisono. Il Rilassamento Profondo verrà usato come eventuale correzione o delucidazione sulla posizione delle fosse in intercuspidazione.  Questo è avere un metodo completo e affidabile, sempre.

2014 © A. Valsecchi – C. Morcone – APPIM

IO NON HO PAURA

bite carmine 2008-

IO NON HO PAURA

Se non si inizia bene, si rischia di fare solo confusione e danneggiarsi con le proprie mani. Bisogna aver chiaro il processo che ci ha condotto ad una certa forma del bite dopo qualche mese, ricordarsi e scrivere su un quaderno o su un file dedicato, le intuizioni, le progressioni e il procedimento. per ovviare a confusione, nervosismo o scoraggiamento per gli ostacoli che ci saranno sicuramente durante il percorso di riabilitazione.
Il bite reagisce bene quando è a contatto con le mucose orali o comunque in ambiente liquido, come un bicchiere d’acqua, per restare elastico e fare in modo che le aggiunte di resina non si stacchino. Le aggiunte andranno fatte invece su bite asciutto. Altrimenti capita che il bite si sente duro al contatto, pieno di asperità, anche se fosse stato comodo fino all’ultima modifica.
Dalla nostra esperienza sappiamo che gli ultimi sintomi apparsi sono anche quelli che andranno via per primi, perché non ancora “cronicizzati” anche se sappiamo che col tempo quel termine “cronico” perde decisamente il suo valore ineluttabile. Spasmi neuromoscolari , algie al trigemino, infiammazioni del nervo sciatico, lombalgie e i nervosismi e frustrazioni di entità che solo i malocclusi capiscono, tutto questo può tornare nuovamente se l’uso del bite è saltuario o non si applicano le modifiche in tempo utile da fare in modo che ai Test Muscolari tutto venga percepito simultaneamente, sia Fosse che Stop di retrusione.
Se non si inizia bene in maniera razionale, sapendo il primo contatto alla Sbarra e riposizionando il resto dei denti a contatto con test muscolari incrociati  e con le cartine, sicuramente poi si lascia perdere e si relativizza tutto. Serve un po’ di sforzo iniziale e imparare la Teoria dal materiale didattico e dai corsi fino al laboratorio.
I dolori lombari e gli spasmi scompariranno e spesso si potrà avvertire una bella sensazione fresco rigenerante e rilassante sui masseteri fino al collo. Forse il famoso Qi della cultura taoista cinese…
Non si può quindi lasciare il bite a se stesso perchè la malocclusione procede sempre e bisogna arrestarla e riposizionarla e se purtroppo ma se si ha in mente l’obiettivo. il percorso tortuoso diventa più veloce e anche manualmente sarà facile. Certo nessun altro può farlo al posto nostro. I denti sono onesti: dovremmo esserlo anche noi stessi e chi ci cura.
(c) 2014 – C. Morcone – APPIM

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: