La Salute con l'Occlusione Muscolare

Articoli con tag ‘palestra’

ESEGUIRE BENE GLI ESERCIZI IN PALESTRA

bilanciere sbilanciamento malocclusione palestra

La spinta muscolare è data dalla chiusura delle arcate dentarie.

La spinta muscolare è data dalla chiusura delle arcate dentarie. Se esse sono incoerenti muscolarmente, essa sarà asimmetrica, insufficiente, non completa. Con tutte le conseguenze a livello di sintomi spalla, collo, testa, usura dentaria unilaterale, e così via, che ben conoscono i riabilitatori del settore. E non serve nemmeno essere concentrati, dato che a occlusione bilanciata l’esecuzione simmetrica è naturale, ovvia, immediata. 

” Da malocclusi è faticoso fare palestra proprio per la stanchezza che ti assale solo all’idea di fare uno sforzo fisico, però l’attività sportiva può servire per tenere d’occhio le risposte muscolari, oltre che per convincersi che il Lato Alto di denti è ancora solo e soltanto quello, quello che rende muscolarmente di più.
E’ in pratica un’ulteriore controprova del persistere dello sbilanciamento di bocca, in quanto ad esempio nell’allenarti sotto sforzo sentirai denti sempre e solo dal lato alto di denti..sul lato opposto sentirai il vuoto completo.
L’esercizio verrà quindi meglio eseguito dal lato del corpo ove hai denti alti e la resa muscolare sarà di molto inferiore sull’altro lato, il che impedirà di raggiungere risultati in simmetria.
Ad esempio nel sollevare il bilanciere il peso da un lato rimarrà più basso rispetto all’altro, pur essendosi concentrati al massimo nel tentare di sollevare l’attrezzo in simmetria. “

vlcsnap-2012-03-25-19h31m02s108

© A. Valsecchi, 2005 (a cura di C.Morcone, 2015)

Annunci

LA FILOSOFIA DEI DENTI

Appim e la filosofia dei denti

Appim e la filosofia dei denti: CONTATTI E SFIORAMENTI

LA FILOSOFIA DEI DENTI E L’ATTIVATORE DELLA RAGIONE

“Tuo figlio ha problemi a scuola, vedi gli incisivi superiori? Sono lievemente sporgenti, questo rappresenta un problema scolastico che deriva da un cattivo rapporto con il padre, l’arcata dentaria superiore infatti rappresenta il lato paterno…”. Salvo Di Grazia, Medbunker .(01/05/2012)

Testimonianza 

Ciao a tutti
sono una testimonianza diretta del metodo dentosofia. 
Sono approdato a questa “tecnica” dopo aver portato un altro bite che non mi faceva niente.
Ho lamentato i miei problemi di malocclusione al dentista (non ho spessore a dx) ma questo invece di farmi un bite, anche perchè mi diceva che non era cosi (poi voglio sapere come fa lui a smentire delle sensazioni che provavo da anni), mi fa mettere questo apparecchio attivatore da portare per 2 anni.
La tecnica è questa: si indossa il giorno facendo degli esercizi (tipo masticazione, pranayama ) e la notte.
Dopo 10 mesi il risultato che ha dato a me è questo: La mandibola è sempre a riposo e protrusa in avanti in contatto solo con i canini, i denti si sono modificati in meglio per permettere la bella occlusione in I classe, il palato sembra allargato o i denti hanno spostato la loro posizione (vestibolarizzando le cuspidi n.d.r.) e le parti molli del volto che erano asimmetriche stanno ritornando in simmetria. In poche parole il risultato estetico c’è ma ogni dolore e ogni asimmetria nel corpo, collo, spalle, gambe, braccia, tranne quelle del volto sono rimaste. In più ho continui fastidi come di “sabbia nel collo” e non posso che studiare sdraiato nel letto supino. L’energia è bassissima alle braccia e sono sempre stanco per avere la forza di stare in piedi tutto il giorno.
Inoltre, questo apparecchio ti porta in Costante Retrusione e mi lascia tutto il giorno con la mandibola che tocca solo lievemente sui canini in appoggio, ma quando sono stressato o semplicemente devo fare uno sforzo non potendo più stringere su molari e premolari (i muscoli non sono più abituati essendo SEMPRE rilassati !) E’ UN DRAMMA, perché non c’è forza! (magari potessi tornare a stringere fortissimo come prima della terapia e allo stesso momento su questi denti come quando facevo le gare di nuoto o andavo in palestra e alzavo pesi assurdi con la panca !!!!). Se poi “costringo” la mandibola a chiudere anche su questi denti ritorna tutto punto e a capo ovvero contatto prima sull’emiarcata sx (ora anche i canini per il fatto dell’ “abbellimento estetico dell’Occlusione”) e POI sulla destra!!!….ovvero ho malocclusione. Tanto quanto prima, se non peggio. 
In sostanza credo che questa tecnica non è una soluzione per una malocclusione, ancor di più per chi ha la mandibola deviata, ANZI è peggio perché (come nel mio caso) questa “tecnica” va a MASCHERARE il tutto rendendo difficile una diagnosi di malocclusione: la mandibola non sembra più deviata a destra e neanche i muscoli del volto MA il rachide cervicale rimane un tronco, le spalle rimangono storte, il bacino rimane ruotato.

L’apparecchio forza la mandibola a chiudere in prima classe ma al tempo stesso muovendo dal presupposto sbagliato che OGNI tensione è causata dal fatto di stringere i denti, ha come scopo deprogrammare la mandibola a chiudere su molari e premolari ritenuti la causa di tutte le tensioni. Secondo me, dopo aver risolto con Appim, è proprio questo l’errore che ha fatto il mio dentista: Credere che le tensioni nascono perché uno serra spesso i denti (molari e premolari), ciò può essere vero se uno lo fa SEMPRE o se la notte bruxa, ma neanche passa per la mente che le tensioni possano essere conseguenza di laterodeviazione a causa di minor dimensione verticale e di conseguenza dei due Lati muscolarmente asimmetrici !! E poi, possiamo pensare che le asimmetrie degli arti o delle parti molli, il cranio affossato da un lato il rachide cervicale rettilineizzato ,  vengono perché uno “stringe i denti per tutto “?  E’ illogico alla prova dei FATTI. Per me proprio no, al massimo per quello vengono leggere cefalee !).

Si crede che tutto passa facendo rilassare i muscoli e facendogli dimenticare l’occlusione su molari e premolari e invece non si vede se la mandibola è inclinata anche se di pochi millimetri. Vi assicuro che tutti i dolori rimangono e te lo dico dopo 10 mesi che rilasso i muscoli e che non serro più!!!! (dato che neanche ci riesco più, anche se volessi !) Avete visto?Come mai avevo ancora tutti  questi dolori assurdi? Sapete, secondo me che vuol dire? Che avevo la mandibola deviata e non contratture ai muscoli masticatori !!!!! . Ma se volevo rilassare questi andavo a comprarmi un bite in farmacia a 70 € Euro, o no?). La mandibola non può stare SEMPRE in Relazione Centrica, questo ho capito leggendo e correggendo ora la mia Occlusione correttamente da solo.
In palestra provate ad alzare grandi pesi senza riuscire a serrare su molari e premolari, poi ne riparliamo…Inoltre mai sentita l’espressione “stringere i denti” per indicare un atleta che deve e RIESCE a compiere un notevole sforzo fisico? Come ci riuscirebbe se chiudesse solo su due denti?

(A. A. ) 

1. DISCUTENDONE assieme ad UN PROFESSIONISTA DEL SETTORE:

Quella di Montaud (o Scuola Francese) usa apparecchi in gomma (un tempo caucciù, ora vietato dalla legge) e sono piuttosto ingombranti da tenere in bocca (ingombrante nel senso di grosso, faticoso a tenere). La funzione principale è quella di annullare le spinte muscolari e della lingua nei confronti dei denti. Questo è solo un modo per eludere il problema principale (i contati dentari disarmonici tra le arcate) (non entro nel merito dei costi sproporzionati, ma è un parere personale). Quello della scuola francese non è un bite ma è un apparecchio che viene chiamato attivatore. Dubito possa essere di interesse per un maloccluso (almeno secondo il mio modo di vedere), perchè bisogna RISOLVERE la questione dei contatti tra dente e dente e tra le arcate, creare punti di contatto e corrette disclusioni e sfioramenti, creare forza muscolare, resistenza articolare, dare energia reale al soggetto, non staccare le arcate e respirare…Questo potrebbe andare bene al limite per soggetti giovanissimi in età scolare ma non nell’adulto, con la perdita dei denti decidui e la dentatura permanente e nemmeno per tutti perchè, purtroppo e lo sappiamo, i problemi arriveranno a distanza di anni. Poi lo sappiamo, per vendere esso viene proposto indiscriminatamente dal bambino al vecchietto novantenne. 

2. morso e sbilanciamento
Le tensioni nascono dallo sbilanciamento, dalla assenza di guide anteriori corrette, di certo non dal tipo di morso o da problemi psicologici.  avere un morso di prima classe o terza non vuol dire assolutamente nulla dal punto di vista bilanciamento e chi continua ad affermare il contrario farebbe bene a cambiare mestiere ed usare  internet per vendere gelati agli eschimesi.

3. UNA STORIA A LIETO FINE :

Dopo consigli Appim e cinque o sei modifiche guidate e approfondite di laboratorio sul bite autoregistrato giorno per giorno, la persona ha risolto completamente nel giro di pochi mesi ed ora sta benissimo e ha riacquistato la propria vita. E i contatti dentari.

Per citare nuovamente Medbunker dott. S. Di Grazia : “Non vi è alcun legame (aggiungerei “naturalmente”) con il vissuto dell’individuo, con la sua vita personale, famigliare o lavorativa, questo è tutta una cortina fumogena per “vendere” meglio un semplice aggeggio di gomma (la cui produzione costa pochi centesimi di euro ma è in vendita ad alcune centinaia degli stessi) e prendere in giro i pazienti”.

 

© 2010, 2012, 2013, 2015,  a cura di C. Morcone 

HO SEMPRE AVUTO UNA BRUTTA DENTATURA POI HO DECISO DI FARE ORTODONZIA: PEGGIORANDO

NlnG_ll0hxo

LETTERE IN REDAZIONE

Raramente sono arrivate email così dettagliate e lucide come quella inviata dal nostro lettore e quindi la ripropongo dopo diversi anni come testimonianza documentaria di un paziente e per farsi un’idea di cosa devono sopportare le persone prima di arrivare ad iniziare a risolvere la propria situazione di salute personale. I sintomi sono sempre multiformi e si trascinano per diverso tempo, spesso anni.. Il testo è integrale,  tranne qualche virgola per rendere più scorrevole il testo. Buona lettura !

Luca di Varese A tutti gli scettici, se avete tempo leggete un po’ ”

Se avete voglia e tempo leggi la mia storia:

Ho sempre avuto una dentatura orribile finchè nel maggio 2002 ho deciso di fare dei lavori  di Ortodonzia.

Settembre 2002
Tendinopatia alla gamba destra(chi va pensare alla masticazione?!)parlando col medico di base sospetta una Lombosciatalgia…..mi lascia dei postumi con dolori, ovviamente leggeri, ancora presenti al gluteo destro.

l’ortodonzia prosegue con notevoli riultati dal punto di vista estetico e senza altre novità dal punto di vista funzionale.

Novembre 2003
Prima crisi di cefalea. Visita specialistica c/o il centro delle Cefalee di Varese
Diagnosi: Cefalea con aura
Consigli terapeutici: Xanax ed altri farmaci, nonchè diminuire lo stress dettato dall’attività lavorativa, ed una buona attivita fisica a scarico dello stress… . Premetto che sono donatore di sangue quindi i farmaci non li ho assunti.

Gennaio 2004
Seconda, ma minore d’intensità, crisi di cefalea.

Il risultato estetico diventa sempre più incoraggiante ed anche dal punto di vista della masticazione non ci sono problemi….Mi sentivo un leone perchè dopo tanto tempo avevo dei denti decenti, ed anche la masticazione era a posto, avevo anche iniziato a frequentare la palestra, con altri ottimi risultati.

Settembre 2004
Accuso le prime tensioni alla mandibola, mi sono rivolto al mio dentista esponendo il problema.
Consueto controllo della masticazione con cartine blu, ma avendomi modificato drasticamente la posizione dei denti, ogni volta che il dentista mi diceva chiudi la bocca, inserendo le cartine blu, io stringevo come un forsennato, perchè ero convinto che la mia chiusura dovesse essere quella e la mandibola prima o poi si sarebbe adattata alla nuova dentatura…insomma non volevo rischiare di dover tornare un passo indietro ed avere i tanto brutti denti storti.
Risultato che ad ogni controllo della masticazione i denti combaciavano alla perfezione con uno sforzo mascellare insostenibile a lungo, ed una chiusura assolutamente precaria.

Ottobre 2004 (e adesso arriva il bello)
Dopo uno esercizio in palestra sono cominciati dei dolori alla spalla destra, bicipite e tricipite destro, gomito destro e polso destro…sempre più acuti nei giorni a seguire.
Visita ortopedica
Visita Centro medico-sportivo
Diagnosi: Cervicaglia Destra
Terapia:
Toradol intramuscolare (come fare acqua)
Toradol con muscoril (idem)
Sirdalud (meno di prima)
Cortisone in endovena (solo dopo la 3° iniezione un leggero beneficio);

Novembre 2004
Passata la fase acuta
Visita Fisiatrica
Radiografie dinamiche della cervicale (osteofiti)
Elettromiografia polso destro, sospetto Tunnel Carpale
Ecografia Gomito Destro (leggero inspessimento del condilo)
Esame otovestibolare (devia leggermente a destra)
Stabilometria (secondo questa, il mio elemento di disturbo sono gli occhi..non i denti!)
TAC cervicale (leggera protrusione in C5-C6, e piccoli osteofiti in C3-C4)
Terapie:
Fisioterapia posturale 10 sedute (come nn averle fatte)
Correnti Diadinamiche 10 sedute (una doccia mi faceva star meglio) [Le correnti diadinamiche sono correnti unidirezionali ed emisinusoidali a bassa frequenza n.d.r ]
Laser 10 sedute (come sopra)
Massaggi cervico-dorsali (benefici temporanei max 2 giorni)
FisioKinesiTerapia assistita (ogni volta si accentuava il dolore).

Notalgia

Notalgia

Dicembre 2004
Visita Ortopedica
Esito: Cervicalgia destra (ma dai!) e Notalgia alla scapola destra
(nessuno sa cos’è una notalgia!) [La notalgia parestesica è una neuropatia sensoriale cronica caratterizzata da prurito interscapolare e/o sottoscapolare n.d.r.]
Terapie: Correnti Diadinamiche (figurati se spendo soldi per farne altre!)
Manipolazioni di Chiropratica o Osteopatia.
Risonanza magnetica (esito: nessuna compressione nervosa, nessuna protrusione, piccoli osteofiti..per forza, aggiungo io, la risonanza la fanno da sdraiati come possono vedere eventuali disfunzioni)
(Dal chiropratico c’ero già stato dall’osteopata no. Quindi proviamo anche questo).
Dopo le manipolazioni dall’osteopata stavo meglio ma egli stesso mi diceva di trovare sempre in disfunzione due vertebre dorsali e bisognava capire se la causa era ascendente o discendente (lui propendeva per discendente).
La depressione mi stava invadendo gli allenamenti in palestra praticamente sospesi. Ogni volta che tentavo di fare qualcosa voleva dire riaccentuare il dolore; apatia e tristezza erano le mie compagne.

Gennaio 2005
Trovo per caso il sito Dell’APPIM ( www.apppim.it)
Chiamo il numero di cellulare in sovrimpressione sulla pagina.
E dopo aver parlato con Adriana Valsecchi, ho fatto i tests che mi ha consigliato.
L’unico contatto dentale (alla Sbarra) era con l’incisivo destro.
Ovviamente se serravo la mascella tutti i denti toccavano ma con slittamento a sinistra della mandibola e con notevole sforzo per tenerla in posizione.

Gennaio 2005
Seduta studio dentisco
Il dentista a questo punto (vista la mia determinazione) non mi ha detto: “Stringi forte”, come le altre volte, ma: “Chiudi naturalmente”.
Dopo un attenta analisi mi ha alzato delle vecchie otturazioni sull’arcata superiore (so che a qualcuno potrebbero drizzarsi i capelli ma bisognerebbe entrare nel dettaglio tecnico della mia situazione per capire meglio il perchè è stato meglio alzare sopra e non sotto).
Ora sono passati due giorni e non posso dire che il dolore sia scomparso ma vi assicuro che l’infiammazione sta rientrando e sto molto meglio mi sto rigenerando.

Ho un altro appuntamento dal dentista per ulteriore controllo della masticazione.

Non Vi dico quanto mi è costato tutto questo in termini economici di tempo e non parliamo poi del morale!

Grazie di cuore ad Adriana. Vi farò sapere come procede
Ciao
Luca  di Varese

IL GIOVANE FAVOLOSO: IL SECONDO MESE DI AUTOBILANCIAMENTO

DIARO DI AUTOBILANCIAMENTO – IL SECONDO MESE

tumblr_m5o3ueTAxq1rnc3y3o1_1280

Bene, sono quasi arrivato al 2° Mese di Bilanciamento.
Cosa è successo nel mentre?

La situazione fisica è migliorata ulteriormente. 
a) Sono tornato in palestra dopo anni e ho notato che la gamba destra (lato alto) non é più lunga dell’altra e quindi sul tapis-roulant il piede poggia praticamente nello stesso momento dell’altro. Durante lo step o la cyclette la schiena è sempre dritta. In bici riesco a girare molto bene il collo in tutte le direzioni. La lombalgia che durava da anni (dal 1995) è sparita per effetto di rialzo di dimensione Verticale e Stop di Retrusione sul settimo.
b) Pur non avendo mai avuto grossi problemi di respirazione (a parte bronchiti varie, tonsilliti ricorrenti ogni mese, mal di gola e raucedine e raffreddori o naso chiuso o una narice chiusa la mattina) la mattina mi sveglio col naso libero, pulito e non ho bisogno di fazzoletti che girano per casa anche se qui intanto ci sono -10 C°..

2) La spalla sinistra del lato basso è ritornata più in linea con l’altra. Il mento sta tornando quasi orizzontale, pian piano. Il viso è più tranquillo, rilassato, il collo è in asse e il cranio è naturalmente dritto. Nelle foto ho recuperato l’occlusione di circa 12 anni fa ma il viso ha tutta un’altra espressione, meno sofferente.

3) Psicologicamente avendo sempre più energia sono anche più tranquillo. Anche i miei genitori me lo riconoscono anche se personalmente non lo noto molto ma la critica degli altri che ti conoscono bene aiuta ad essere più obbiettivi. Anche sul lavoro sono molto più tranquillo e non mi lascio prendere dall’ansia e da mille preoccupazioni.

4) Fattivamente ho risolto il Cross-bite monolaterale.  creato, oltre a Fosse e Stop più adatti a me giorno per giorno, un 7° di resina sul bite che aveva solo una guida per la gengiva. Sembrava strano all’inizio, poi ho provato durante il giorno le manovre muscolari e ho capito dove poter limare od aggiungere, essendo anche in cross-bite (Morso Crociato) sul settimo..Avendo virtualmente tutti i denti la mattina mi sveglio ben occluso e quando ho qualche pensiero penso alla mia nuova occlusione e sono molto soddisfatto, perfettibile il tutto, ma soddisfatto.

5) Scomparsa di infezioni e infiammazioni nel cavo orale. Ho notato che le afte e le piaghe e morsicature della guancia dolorosissime che avevo sempre in bocca da quando sono nato sono quasi sparite. Erano di piccola forma lenticolare bianche sulle gengive o più ancora nella parte interna delle guance che poi dopo circa 10-15 giorni diventavano rosse e si ingrandivano. Anche se ancora persistono vanno via molto prima e sono solo una o due.

Ci sono ancora molte cose da fare…il maloccluso che si bilancia è perennemente insoddisfatto..mento ancora da riallineare, labbra da perfezionare, etc. ma dopo circa 60 giorni posso ritenermi contento e guardare il futuro dritto in faccia.”

© 2008, 2014 C.Morcone – Appim

A breve il terzo e il quarto mese di Bilanciamento 

FATICA PERSA IN PALESTRA

Immagine

PRATICARE SPORT DA SBILANCIATI

Lo sport da sbilanciati è più faticoso da fare; ci si stanca, si tenta di assumere energia con i vari preparati in bottiglia, pillole, anche dannose, pur di ottenere risultati..ma il rendimento è poco oppure ci si logora fisicamente credendo invece che si debba soffrire. Fatica persa.
Fare palestra serve a rendere evidente il lato debole del nostro corpo che fa fatica nel sollevare quel braccio, quella gamba. e così via.

Ma la palestra serve anche per rendersi conto dello sbilanciamento di mandibola ovvero dei contatti unilaterali esistenti.
Appendendosi ad una sbarra, usando il bilanciere alla bench-press , facendo esercizi per glutei o braccia o per le spalle, ci si rende conto che nello sforzo i contatti tra denti avvengono da un solo lato, il lato dentario alto.
Nessun contatto è possibile dal lato ove manca spessore

Per migliorare il rendimento sarebbe sufficiente mettere tra i denti bassi uno spessore di pochi millimetri…Braccia e gambe lavorerebbero con maggiori risultati di forza e tonicità, lavorando in simmetria.

Per esempio facciamo due esercizi per capire meglio:

  • Camminando da fermi, ad occhi chiusi, si tende a deviare verso il lato muscolarmente più forte.
  • Dritti, piedi sul pavimento, larghezza delle spalle, ruotando  il busto con le due mani sui fianchi, ad occhi chiusi, ci si sentirà cedere invece sul lato basso.
  • Così come girando in senso orario o antiorario attorno ad un oggetto, una sedia per esempio.

Ecco un esempio: In teoria e in pratica. In teoria l’esercizio corretto ma la pratica, nella stragrande maggioranza delle persone alla prova del bilanciere ci dice, come nella seconda foto, che le cose stanno in realtà in maniera diversa..

distensioni_con_bilanciere_da_seduto_su_panca_inclinatadistensioni_con_bilanciere_da_seduto_su_panca_inclinata (1)

[A.V./C.M.]

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: