La Salute con l'Occlusione Muscolare

Articoli con tag ‘predisposizione’

AFFRONTARE IL BILANCIAMENTO PERFETTO

IvvDzOnFCaU

Affrontare il bilanciamento di un bite significa dedicare gran parte delle nostre energie, dei nostri pensieri del nostro tempo libero allo studio delle proprie sensazioni di contatto, della postura, di ogni movimento; in ogni situazione possiamo ricavare informazioni preziose per il nostro Bilanciamento.
Le manovre muscolari, che non sono esercizi, vanno eseguite almeno un centinaio di volte al giorno, sono talmente semplici che non possiamo trovare scuse, non abbiamo bisogno di una preparazione da maestri yoga o di chissà quale concentrazione, si possono eseguire mentre facciamo la spesa, sul lavoro, a scuola, al cinema, passeggiando per la città.

Chi invece ha la “fortuna” di essere pendolare e quindi deve affrontare un paio di viaggi al giorno, ha la possibilità di eseguire il rilassamento profondo ricevendo informazioni di grandissima precisione sulla posizione di Fosse/Stop. Nessuna scusa anche riguardo la prova della Sbarra, i giardini pubblici sono quasi sempre forniti di una sbarra orizzontale, basta tornare un po’ bambini, appendersi e sbattere i denti velocemente…. pochi secondi per rilevare il contatto più alto.

Alla sera, a casa, davanti ad uno specchio e con carta e matita se può aiutare, si tireranno le conclusioni ragionando su tutti i dati raccolti durante la giornata, si eseguiranno le manovre per l’ennesima conferma e con trapano e resine alla mano si faranno le modifiche del caso.
Questo il consiglio per chi ha appena iniziato il Bilanciamento; quando invece avremo raggiunto una discreta padronanza sia nella pratica che nell’interpretazione delle sensazioni, è bene che almeno il trapanino ci segua tutto il giorno, il precontatto potrà essere eliminato in una manciata di secondi senza la paura di aver eliminato l’unico contatto buono.

Inoltre sarebbe bene utilizzare il Blog anche per porre domande riguardo eventuali dubbi su sensazioni contrastanti anche se ci possono sembrare stupide, il più delle volte si pensa di avere la peggiore occlusione del mondo, chissà quale sbilanciamento irrisolvibile figlio di muscoli impazziti dimenticando per un attimo che le regole dell’occlusione muscolare sono identiche per tutti, dato che tutti abbiamo un corpo.
Ipoteticamente chiunque può raggiungere il Bilanciamento perfetto.

In alcuni manca il convincimento di dover prendere sul serio il problema contatti, oltre che la mancanza di una certa predisposizione. Anche nella persona più attenta, la muscolatura può creare false impronte sulle resine, perché anche se irrigidita nelle manovre ha sempre del gioco creato proprio dal fatto di agire su resine morbide che cedono, questo continuo rincorrere i difetti nel tentativo di eliminarli richiede un’attenzione spasmodica e un ragionamento nella giusta direzione, prima di intervenire con trapano o resine, che demotiva tanti pazienti, come se si fosse di fronte ad un lavoro senza fine.
Il dover rifare anche centinaia di volte un’impronta è invece normale, visto che modificando anche un solo segmento di un contatto tutta l’inclinazione della mandibola e relativi rapporti dentari di fatto cambiano.

Gli unici ostacoli sono rappresentati dalla mancanza di volontà o di una certa predisposizione mentale ad un simile lavoro oppure la mancanza di denti… di molti denti.

©2007, 2015 I. Barra, A. Valsecchi – a cura di C. Morcone

Annunci

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: