La Salute con l'Occlusione Muscolare

Articoli con tag ‘recidive’

PERCHE’ SCONSIGLIARE L’INTERVENTO MAXILLO-FACCIALE

11866488_956195124423749_2081666246651881815_n

Non dobbiamo concorrere a Miss o Mr Universo….Evitate interventi maxillo-facciali che vi lascerebbero sicuramente sbilanciati dopo mesi di sofferenza e di tensioni muscolari. I miracoli non avvengono in campo gnatologico. Non servono le candele accese, le preghiere, le suppliche. Le cliniche hanno bisogno di fondi per sostenersi…è per questo che in modo irresponsabile tanti suggeriscono l’intervento ..
Il benessere recuperabile con il bilanciamento vale più dell’estetica perfetta, peraltro spesso di breve durata per via delle recidive . Tutti i pazienti operati rimangono sbilanciati e sofferenti. non si risolve un problema posturale con l’intervento chirurgico e persino la recuperata simmetria del viso negli anni scompare…perché sono i contatti dentari equilibrati che permettono di rimanere eguali nel tempo. Considerate che anche se il paziente non paga, la struttura e il chirurgo incassano migliaia di euro ad ogni intervento dalla Regione. Non ci interessa tantomeno il palato, ci interessano i denti: sono i denti che ti mantengono in piedi, non il palato . (A.Valsecchi)

Invece tantissimi vengono spinti, soprattutto giovani, con la scusa dell’estetica, quando hanno magari sintomi di cefalea emicrania, tutti da verificare e curare in altra maniera.

Perfettamente d’accordo allo studio ci capitano una infinità di casi operati in giovane età e sbilanciati a vita. La strada della posturologia gnatologica e’ lunga ma da i risultati buon lavoro. (Posturologo, fisioterapista).

Annunci

MALOCCLUSIONE E ORTODONZIA

emicrania

emicrania

la malocclusione NON si cura con l'ortodonzia

la malocclusione NON si cura con l’ortodonzia

LA MALOCCLUSIONE NON SI CURA DI CERTO CON L’ORTODONZIA!

Chi ha necessità di ricorrere all’ortodonzia ha sicuramente uno sbilanciamento della bocca. Ma anche chi ha denti in simmetria può soffrire di sbilanciamento mandibolare.

Quindi se L’ADOLESCENTE ha i denti storti davanti, significa che ha già problemi di malocclusione posteriore e allora può anche essere una buona idea fare ortodonzia, ma solo se poi si sa come spessorare i punti di contatto posteriore e ricreare quelli di sfioramento anteriori e questo non lo sanno fare. L’ortodonzia da sola non bilancia certo una bocca. Su questo possiamo avere certezza. Eppure quanti ritengono di risolvere il problema definitivamente ricorrendo al trattamento ortodontico magari invogliati da tanta pubblicità e tante pressioni psicologiche piuttosto dettate dall’estetica che dalla funzionalità? La maggior parte. Le recidive sono già a cinque anni dal trattamento. Il vero obiettivo dell’ortodonzia moderna quindi non è più il raggiungimento di una corretta occlusione estetica e funzionale ma la stabilità del trattamento. 

ortodonzia

Il fatto è oltretutto che spesso in corso di trattamento scatta l’emicrania e il bambino se la trascina per tutta la vita a periodi alterni, subendo l’influenza di vari fattori: il vento, il freddo, le ansie della scuola o della famiglia; il bambino sembra essere diventato troppo sensibile agli avvenimenti esterni, manca di concentrazione, è stanco, nervoso ed irrequieto e ha la schiena storta.

mascherine

E’ inutile pensare a rieducare la lingua. La lingua è in pratica un muscolo che risponde solo allo sbilanciamento. E tutti i muscoli del viso inclusa la mandibola risentono solo delle altezze dei denti e del tipo di contatti esistenti. Niente e nessuno la può rieducare. Bisogna riportare in simmetria il complesso muscolare lavorando sui denti per normalizzare l’azione della lingua, per raddrizzare la schiena. Ma se i denti coincidono male a causa dell’ortodonzia l’emicrania rimane. L’emicrania precoce degli adolescenti, così come quella degli adulti, colpisce in Italia qualche milione di soggetti. Non è che tutti costoro hanno fatto ortodonzia. Osservando il calco in gesso della masticazione di queste persone è possibile imputare l’emicrania a contatti dentari anomali, non fisiologici, abrasi, discutibili dal punto di vista anatomico,  (cross bite per esempio), contatti dentari responsabili di compressioni anomale e contrazioni asimmetriche della muscolatura del viso. Un bite leggero inferiore potrebbe già dare beneficio. L’emicrania non è dunque generalmente creata da un “semplice” sbilanciamento muscolare tra le due arcate ma da una serie di fattori sempre presenti.

 ©2003, 2015  A. Valsecchi (a cura di C. Morcone)

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: