La Salute con l'Occlusione Muscolare

Articoli con tag ‘sintomo’

BRUXISMO , SERRAMENTO DEI DENTI E DIGRIGNAMENTO: CAUSE E SOLUZIONI

DIGRIGNAMENTO E BRUXISMO

DIGRIGNAMENTO E BRUXISMO

IL BRUXISMO  NEL BAMBINO E NELL’ADULTO

La metà dei bambini con cefalea di tipo tensivo soffre di bruxismo (fonte 2008) e negli adulti è presente in alta percentuale (5-20%, fonte ufficiale odontoiatrica). Sostanzialmente diremo che esso si instaura soltanto quando i denti difettano di Fosse (cuspidi palatine in occlusione nelle Fosse dei denti inferiori) e Stop di Retrusione stabilizzanti. In mancanza di questi e soprattutto di  Guida Canina e di Guida Incisiva avremo anche sui soggetti giovanissimi del bruxismo. Lo si potrà notare sul calco e sui denti dato che gli incisivi superiori andranno ad essere sollecitati e usurati ai margini superiori per effetto appunto del continuo e inconscio contatto meccanico notturno. Per fortuna essi andranno poi a cambiare gli elementi dentari decidui ma il problema potrebbe ripresentarsi anche con i denti permanenti. E la questione principale da risolvere è che invece questi devono durare tutta la vita.

Dissolviamo subito un dubbio: Non è un sintomo psicologico o emotivo. E’ un sintomo derivante da cause fisiche, controllabili e risolvibili rialzando (nell’adulto autonomo) Dimensione Verticale (DV) posteriore, con Fosse e Stop (OC e RC) e soprattutto le Guide anteriori. Tutti i bruxisti con il bite Appim hanno risolto sin dalle prime settimane di Bilanciamento questo sintomo fastidioso (qui si) anche psicologicamente ed emotivamente, oltre al risveglio mattutino con dolori all’ATM. I vari tipi di bite sono in effetti guard, proteggono i denti dall’attrito e usura notturna ma non risolvono la causa principale. Nell’adulto è inutile l’utilizzo di cure sistemiche aggressive e dannose per stomaco e fegato in primis, come farmaci antidepressivi (fluorexitina) e antipsicotici (butirrofenone). Anche l’uso quindi della vitamina B5 non è certamente una soluzione adeguata. E’ lo sbilanciamento che reca nervosismo non certamente il bruxismo. Esso non è determinato in alcun modo da fattori di tipo psicologico, anche essi sono dei sintomi.

Tornando ai bambini con la cefalea sono una realtà che va affrontata seriamente dalla medicina, ma l’Odontoiatra come fa ad intervenire limitando i danni causati dal digrignamento notturno sottoponendo i piccoli pazienti a cure specialistiche, o a presunte turbe emotive, fino all’assunzione di calcio e acido pantotenico (vit. B5) per lo “stress” e invece ad avviarli verso le cure appropriate.

IL FATTO CHE IL BRUXISMO SIA COMUNE NON VUOL DIRE CHE SIA "NORMALE"

IL FATTO CHE IL BRUXISMO SIA COMUNE NON VUOL DIRE CHE SIA “NORMALE”

E quali sarebbero le cure appropriate visto che il bruxismo è causato da guide dentarie consumate che il Dentista non è sempre in grado di ricreare?
Cosa succede ai bruxisti? Con denti accorciati, appiattiti, fratturati o addirittura scheggiati e uno smalto consumato, per esempio i margini degli incisivi inferiori usurati che disgregandosi espone agli agenti esterni anche gli strati più profondi dei denti e poi mal d’orecchi, cefalea tensiva, sofferenza facciale, ferite sulla lingua. Tutti sintomi che conoscevamo bene.

Riassumendo, quindi non è il “semplice Sbilanciamento” che provoca bruxismo perché se così fosse cinquanta milioni di sbilanciati in Italia bruxerebbero. E’ soprattutto l’abrasione delle guide dentarie che provoca il difetto. I denti usurati di un bambino sono impossibili da ricostruire se mancano al Medico le cognizioni sufficienti a riconoscere gli Stop di Retrusione, e la guida canina veri responsabili del bruxismo… responsabile invece del serramento è piuttosto lo sbilanciamento globale. Si dovranno aspettare i denti permanenti..e quindi controllarli assiduamente tramite calco e test muscolari.

bruxism

Comunque, se una metà dei bambini soffre di bruxismo, l’altra metà è comunque asimmetrica pur se non ancora del tutto sintomatica. Almeno qui in Italia.
Lo vediamo dalle spalle, dal modo di camminare, di portare lo zaino scolastico già dalla prima classe.

  • E TU BRUXI?
  • E I TUOI FIGLI E TUA MOGLIE/MARITO ?
  • HAI CONTROLLATO LA TUA BOCCA E LE USURE DEI MARGINI DEI DENTI ANTERIORI? 
  • Prima di tutto fai le manovre muscolari APPIM  a casa in autonomia e poi calco e poi

  • Cerca di risolvere il problema subito. 

© 2010, 2014  A. Valsecchi  (a cura C. Morcone) – APPIM

Annunci

ARTE E SBILANCIAMENTO MANDIBOLARE

Immagine

ARTE E SBILANCIAMENTO MANDIBOLARE

ARTE E PERCEZIONE 
Un viso asimmetrico, caratterizzato da muscoli che cedono, da labbra storte con gli angoli rivolti all’ingiù, da un’espressione chiusa è normalmente un viso tipico di maloccluso, una asimmetria muscolare.
Un tale viso rispecchia la situazione dentaria. E’ sufficiente inserire un bite inferiore, bilanciarlo per notare l’espressione nuova del volto, occhi più decisi, labbra e guance dalla muscolatura in tono, voglia di sorridere, di agire, di impegnarsi, di lavorare.

VISO ED EQUILIBRIO INTERIORE
Se dunque il viso rispecchia la situazione spaziale dell’articolazione e quella dei contatti dentari, forse anche la mente prende forza e equilibrio dalla stabilità di bocca..si acquieta e trasmette un senso di serenità…

ANIMO UMANO COME RIFLESSO DEL CORPO FISICO
forse che l’anima è solo una rappresentazione del benessere o del malessere che proviene da un corpo simmetrico o asimmetrico ?
forse che il viso denota con i suoi lineamenti le caratteristiche dell’occlusione e con le sue espressioni dei sentimenti prodotti da un’anima più o meno disturbata dai denti piuttosto che da altro?

ARTE E SBILANCIAMENTO MANDIBOLARE
Una delle opere d’arte che mi ha sempre incuriosito e non solo me ma secoli di studiosi, è l’immagine della “Melancholia” di Albrecht Dürer del 1514.
Questa litografia è una delle opere d’arte rinascimentali più enigmatiche e studiate della storia dell’arte. Il significato dietro miriadi di simbolismi contenuti nella stampa, fanno riferimento ad una infinita speculazione (rimuginamento) filosofica e matematica oltre che alchemica, come era nel periodo.
Il simbolismo è continuo costante e vi è una dimensione di ossessività molto presente.
Vediamo non la Depressione quindi ma bensì uno stato d’animo complesso.

ANALISI VISIVA 
La donna guarda insoddisfatta un solido geometrico inconsueto, strano, assurdo, quasi impossibile pensare che possa stare in piedi senza cadere, pieno di spigoli, incoerente per l’architettura rinascimentale, così piena di nuovo classicismo. La luce è luminosa ma lontana, il putto angelico guarda da un’altra parte, si hanno le ali e non si può volare.

REALTÀ DIETRO LE APPARENZE

1) Albrecht Dürer mette in mostra la Malocclusione. I simboli vanno ad una ossessione matematica, di incastri di impossibilità di arrivare alla soluzione pur essendo l’artista un genio. E’ un tormento interiore continuo. L’artista deve aver sofferto di malocclusione.

2) Come si regge la donna? Con la mano sulla guancia sinistra, appunto. Non è un atteggiamento che si può riferire ad una persona bilanciata muscolarmente.
3) Vediamo come sta con il gomito seduta, la donna, vediamo le gambe aperte con la veste lunga. Intenta a rimuginare con faccia torva e fosca.
3) Quello strano solido geometrico potrebbe quindi essere e significare diverse cose, su più livelli: Denti senza forma adeguata? incapacità di stare in piedi bene, un dente che fa male e non si capisce perché…un precontatto doloroso? Chissà. A quei tempi i denti cadevano o si tiravano. Non vi era soluzione. Leonardo da Vinci stesso, d’altronde, si è fatto crescere la barba lunghissima per non farsi vedere senza denti e a quasi 60 anni sembrava un vegliardo.

LA MELANCHOLIA E’ L’ESPRESSIONE ARTISTICA DI UN DISAGIO FISICO
Da tutto questo non può che generarsi non depressione ma melancholia, che è uno stato d’animo. La melancolia non può  che essere, quindi, la malocclusione. E’ evidente che la donna può solo pensare al suo stato, essendo incatenata alla sua situazione fisica, che la blocca e la curva, e a questa non riesce a trovare soluzione. Invece oggi, la soluzione esiste.

(C.M.)

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: