La Salute con l'Occlusione Muscolare

Articoli con tag ‘università’

IL BILANCIAMENTO MANDIBOLARE E’ ESSENZIALE PER IL BENESSERE PSICOFISICO

IL BILANCIAMENTO MANDIBOLARE E’ ESSENZIALE PER IL BENESSERE PSICOFISICO

I professori universitari, i responsabili delle strutture odontoiatriche e i medici gnatologi non sanno affrontare la sperimentazione di nuove metodiche riabilitative, tantomeno se queste provengono da pazienti.
Non accettano idee diverse dalle loro. Gli assistiti non sono al vertice dei loro pensieri.

Un gruppo di pazienti milanesi, dopo essersi autoriabilitati, hanno voluto verificare l’affidabilita’ delle conoscenze di specialisti italiani e stranieri considerati i Numero Uno in campo riabilitativo nei loro Paesi, visti gli incarichi che essi ricoprono in quelle Strutture Sanitarie. Non solo questi pazienti si sono accorti che il bilanciamento mandibolare e’ una materia a costoro sconosciuta; ma si sono resi conto che certe metodiche, come ad esempio i molaggi selettivi suggeriti dalla manovra di Dawson, danneggiano invece di curare; creando al paziente sbilanciamento e disturbi di vario tipo. Cosi’ pure certe cognizioni di impostazione gnatologica della Scuola Californiana, utilizzate anche in Italia nella preparazione delle protesi, stanno creando masse di individui anziani sofferenti. Tali protesi presentano rapporti dentari inconcepibili per un essere umano, che provocano malfunzione e contribuiscono ad accelerare l’invecchiamento organico.

Tra l’altro, voler distribuire il carico masticatorio anche sui denti anteriori, significa dar loro una funzione di sostegno che non devono avere. Significa impedire invece ai denti laterali di svolgere il loro ruolo che e’ quello di sostenere lo scheletro.image1.jpg (31920 bytes) I denti non sono birilli con i quali giocare. Essi non sono stati concepiti a caso, come non a caso sono stati concepiti gli altri organi del corpo. Certe caratteristiche anatomiche non vanno stravolte. Ogni cuspide di sostegno, ogni versante di guida ha un motivo di esistere. Ma le altezze devono essere adeguate alla movimentazione muscolare equilibrata della mandibola. Essa non deve avvenire “sul vuoto”, ma sui versanti di guida dei denti stessi.

E’ il momento di prendere le distanze da quelle teorie gnatologiche che sono in contrasto con le regole occlusali. I dentisti devono imparare a lavorare utilizzando cognizioni concrete e controllabili, spirito critico, riflessione, intuito, perche’ il loro operato avviene sì sui denti, ma ha ripercussioni immediate sulla postura scheletrica, sui collegamenti venosi, muscolari, ormonali…e sull’atteggiamento psichico del paziente.
Il bilanciamento dentario e’ un lavoro di grande responsabilita’. E’ una disciplina che deve avere precedenza assoluta in ambito universitario, visto che esiste finalmente quel metodo di controllo della funzione del sistema stomatognatico vagheggiato a lungo dagli operatori odontoiatrici. Certo esso e’ stato messo a punto da un gruppo di pazienti-ricercatori e non da un gruppo di dentisti. Non applicarlo significa però non volersi aggiornare.

Il 95% della popolazione italiana risulta asimmetrica alle prove muscolari, cosa significa?

Lo sbilanciamento crea milioni di invalidi silenziosi e costa allo Stato miliardi per la ricerca e per le terapie; ma i responsabili dell’aggiornamento terapeutico e universitario sembrano non rendersene conto. Se e’ vero che lo Stato per avere un’economia vitale deve poter contare su una popolazione sana, bisogna avviare una campagna nazionale di bilanciamento. Il che significa veder sradicate nel giro di alcuni anni malattie invalidanti quali le emicranie, le artrosi, le ernie, le depressioni, la stanchezza cronica, la violenza…se l’uomo del futuro potra’ vivere bene la sua lunga vita solo se imparera’ a conoscersi e rendersi pienamente autonomo delle sue problematiche eventuali.

©  A. Valsecchi – APPIM

Annunci

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: