La Salute con l'Occlusione Muscolare

Articoli con tag ‘vite’

IMPLANTOLOGIA SU BOCCHE SBILANCIATE

Mail0327

La forma dell’ impianto, la sua resistenza, le tecniche di inserimento, l’ottimizzazione dell’interfaccia impianto-osso grazie a materiali di riempimento, la stabilità, sembra tutto perfetto, tutto facile, tutto fattibile…nessun errore..tutto pianificato e tutto portato a termine con precisione ineguagliabile…ecco l’implantologia.

Eppure, su una bocca sbilanciata, non appena l’impianto viene caricato, non troppo, forse troppo poco…chissà…nel giro di qualche mese o anno qualcosa succede.
L’impianto vacilla, ondeggia, la gengiva scurisce, scatta la perimplantite. Si dà la colpa al fumo o alla scarsa igiene orale.

ancora qualche mese e là invece un impianto si frattura…
colpa del paziente, troppo nervoso, digrigna, serra…mastica cibo troppo duro…non si deve masticare sulle overdentures , bisogna nutrirsi con passati di verdura e polpette..

Gli operatori di Implantologia non conoscono cosa sia una fossa né uno stop di retrusione..dal primo all’ultimo i denti impiantati occludono contro la cuspide vestibolare esterna inferiore…mai in fossa…mai lungo lo stop su altezza diversa benché sulla medesima traiettoria di abbassamento della mandibola e quindi su un livello di altezza diverso.

Casi pubblicati tranquillamente su riviste di implantologia dovrebbero farci capire che non vi è coerenza tra predicato e operatività e soprattutto ci stupiamo che costoro si stupiscano della nascita del problema: tasca e infiammazione o impossibilità di occlusione corretta. Il paziente lo comprende, a lungo andare, ha qualche percezione ma non abbastanza per sapere cosa fare.
Congressi infiniti sull’integrazione ossea e nessuna parola sull’occlusione, come se la gengiva e l’impianto non rispondessero ai contatti tra dente e dente.
Da cui contatti eccessivi, contatti sbagliati, contatti carenti, scivolamenti: tutto questo danneggia la salute dell’impianto e noi pazienti lo sappiamo bene, lo intuiamo, non facciamo fatica a capirlo.
ma essi non lo concepiscono, non ci arrivano, non dubitano. E gli impianti sui denti posteriori sono quindi troppo spesso “corti”, non in occlusione per paura di effetti leva, compressioni..visto che dovrebbero durare una decenni.

Osservando la foto in alto, cosa ne pensate dei due denti impiantati?
Si vede ad occhio nudo che non possono andare d’accordo con gli altri. Come può un Dentista-implantologo essere così ingenuo da non capire che il carico occlusale deve essere distribuito su tutti i denti proprio per non sovraccaricarne alcuni, ma che non caricare i denti crea problemi egualmente come per il sovraccarico.
Ma come può avere il coraggio di inserire in bocca due denti che non servono alla masticazione, essi sono lì come due birilli in bella vista, buoni  per giustificare la parcella e l’estetica, per chiudere un buco vuoto.
Ma le cartine blu a cosa servono? Debbono essere trattenute in Fossa almeno nelle serrare le arcate, ma probabilmente questo Professionista utilizza quelle spesse mezzo centimentro…solo così la cosa è giustificabile.

© A. Valsecchi 2007, 2015 a cura di C. Morcone

Annunci

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: